Notte calda a Roma: 14 arresti...

Roma Città Sabato 6 Giugno 2009 Notte calda a Roma: 14 arresti per risse, furti, rapine, coltellate e spari Vigilante spara a Tor Cervara dopo lite per parcheggio ROMA (6 giugno) - Due rapine, un cecchino a Tor Cervara, una coltellata, tre risse ed un tentato furto.
La capitale non dorme tranquilla e nella mattinata sale ancora il bilancio delle violenze.
Stamattina verso le 8 l'ultimo round: rapina da 50 mila euro in un ufficio postale della Magliana.
Due individui, armati, hanno atteso l'arrivo del direttore della posta di via Vaiano e lo hanno costretto ad aprire la cassaforte.
I due sono poi fuggiti a bordo di un'auto.
Gli agenti della polizia hanno avviato subito le indagini.
Solo il primo giugno nella stessa filiale un assalto al furgone portavalori.
Durante la sparatoria con le guardie giurate, un malvivente è rimasto ucciso e un altro ferito.
La spirale di brutalità però è iniziata ieri notte.
Nel quartiere di Tor Cervara, un uomo durante un litigio per il parcheggio ha sparato contro un 64enne.
L'uomo, M.S.
di 38 anni, stava tornando a casa dopo aver trascorso la serata ad una festa insieme alla famiglia.
L'anziano signore, invece, stava parcheggiando davanti al portone quando è iniziato l'alterco.
A quel punto l'uomo, una guardia giurata con precedenti, è salito nel suo appartamento e ha preso la pistola in dotazione.
Affacciato dalla finestra ha cominciato a sparare prima in aria per poi cercare di centrare l'anziano, colpendo solo lo sportello della macchina.
Richiamata dagli spari è accorsa una pattuglia di polizia che ha fatto irruzione nell'appartamento al primo piano e ha disarmato e arrestato l'uomo per tentato omicidio.
A Garbatella un accoltellamento.
Verso le 2.30 due giovani sono stati aggrediti all'uscita del centro sociale la Strada in via Roberto da Nobili.
La coppia, che aveva assistito ad un concerto rock, è stata raggiunta da due individui vestiti di nero che li ha attaccati urlando «comunisti di merda, voi e i vostri centri socialì».
I ragazzi sono stati percossi ed uno dei due è stato anche ferito da una coltellata alla coscia.
Conclusa la colluttazione i ragazzi sono corsi all'ospedale dove la ferita è stata suturata con 8 punti.
«Un'altro accoltellamento di matrice fascista a Roma.
È il momento che le istituzioni dichiarino apertamente che esiste un'emergenza democratica in città.
Bisogna disarmare la destra neo-fascista».
Lo dichiara in una nota il consigliere provinciale della Sinistra l'Arcobaleno, Gianluca Peciola.
Al Testaccio, invece, bottino di panini e 50 birre per [...]

Leggi tutto l'articolo