Novità Di Marzo Parte I. Jimi Hendrix, Dido, Stereophonics, Laura Mvula, Son Volt, Josh Ritter, Madeleine Peyroux, Ashley Monroe, Roddy Woomble

      Confermata per domani 5 marzo l'uscita di Jimi Hendrix People, Hell And Angels, il disco "inedito" già annunciato sul Blog a fine gennaio (in tutto il mondo, Italia inclusa, ma esclusa misteriosamente l'inghilterra, dove uscirà il 1° aprile), etichetta Sony Legacy.
Confermato anche Memphis di Boz Scaggs, di cui avete già letto le recensione completa pochi giorni fa.Torna, per dirla alla Chico di Zagor o come Brian Eno, Dido Florian Cloud De Bounevialle O'Malley Armstrong, per darle il suo nome completo: il disco Girl Who Got Away, Rca Sony, è il primo dal 2008, e naturalmente esce anche in versione Deluxe doppia con 6 brani in più.
Il fratello Rollo, dei Faithless, è sempre al suo fianco come autore e c'è anche un duetto con il rapper Kendrick Lamar.
Già da anni aveva annunciato che l'album avrebbe avuto un approccio elettronico ma, per fortuna, non ha mantenuto totalmente le promesse, anche se...  Anche i gallesi Stereophonics rompono un silenzio che durava dal 2009 e pubblicano per la Stylus Records/EMI, domani 5 marzo, il nuovo CD Graffiti On The Train.
C'è la versione Deluxe? Che domanda, certo! Anche se i 6 brani nel secondo dischetto, a parte uno, Overland, sono versioni alternative, acustiche o remix.       Tre voci femminili, piuttosto diverse tra loro, ma tutte interessanti.Laura Mvula, all'esordio con questo Sing To The Moon, pubblicato sempre dalla RCA, è la scoperta di quest'anno di BBC e Brit Awards, tra i "names to watch" (e listen).
Prodotto, attenzione, da Steve Brown (quello di Rumer) e mixato da Tom Elmhirst (quello di Adele), in Inghilterra, dove la fantasia non manca di certo alla stampa, anche troppo, è stato definito un disco di gospeldelia.
Più semplicemente, per chi scrive, una bella voce, raffinata, con arrangiamenti anche complessi, misti a brani più semplici, influenze (e cover di) Nina Simone, George Gershwin e Bjork.
Sembra interessante.
Sì, c'è la versione doppia Deluxe con 6 tracce extra.  Non sono passati neanche due anni dal precedente Standing On The Rooftop ed esce già un nuovo disco di Madeleine Peyroux, titolo The Blue Room, prodotto nuovamente da Larry Klein, dopo la parentesi con Craig Street, l'album inizialmente doveva essere un tributo al Ray Charles di Modern Sounds In Country & Western Music, e, tratte da quel disco, oltre a I Can Stop Loving You ce ne sono altre tre, a cui si aggiungono Guilty di Randy Newman e Bird On The Wire di Leonard Cohen, nonché Gentle On My Mind, il brano di Glen Campbell scritto da John Hartford, il tutto molto [...]

Leggi tutto l'articolo