Nun sò poeta

Nun sò poeta Amore, te sconocchio le ggengive a fforza de bbaciatte e ribbaciatte; te porto insino ar mare in su le rive, così me riesce facile acchiappatte si tu te tuffi in acqua ...
mejo 'gnuda! Amore t'accarezzo li capelli, scusame sa, si la mia mano suda, ma vojo accarezzà i seni tuoi bbelli pe' fatte ricordà tutto er mio Amore, pe' fattelo sapè cquanto te vojo, perché devi restà drento ar mio core.
Te prego stà a sentì, Sise de Seta, pe' cquanto posso scrive su 'sto fojo, me devi da scusà ...
nun sò poveta! Pasquino Arcano 9 maggio 2014

Leggi tutto l'articolo