Nuoro, arrestato un presunto terrorista: "Pianificava attentato"

Roma, (askanews) - Arrestato in un blitz dei Nocs a Macomer, in provincia di Nuoro, un libanese di origine palestinese, di 38 anni, Amin Alhaj Ahmad, accusato di associazione con finalità di terrorismo internazionale per la sua appartenenza all'autoproclamato "Stato islamico" e di aver pianificato un'azione in Sardegna.
Il procuratore nazionale Antimafia e Antiterrorismo Federico Cafiero De Raho: "Un soggetto libanese stabilmente residente in Sardegna legato all'Isis e aderente all'associazione terroristica, aveva progettato un piano operativo con avvelenamento con armi biologiche, ricina o antrace o altre sostanze".
L'operazione, diretta dalla Dda di Cagliari in raccordo con la Direzione Nazionale Antimafia ed Antiterrorismo, è partita dall'arresto in Libano di un militante di Daesh che aveva pianificato l'avvelenamento con la "ricina" di una cisterna d'acqua da cui si riforniva una caserma dell'esercito libanese.
Un progetto che sarebbe stato supportato da un suo "cugino" in Italia, che avrebbe pensato di realizzare un piano simile anche in Europa.
Il libanese, individuato in Sardegna è stato sottoposto a perquisizione.
L'esame del suo smartphone ha permesso inoltre di reperire materiale riferibile all'Isis e al califfo Abu Bakr Al-Baghdadi e una vasta documentazione inerente sostanze venefiche letali, compreso un pesticida potente che ha tentato di acquistare online.

Leggi tutto l'articolo