Nuova Piazza Risorgimento a Cernusco s.n.: l'editoriale di Collio sulla Gazzetta delle Martesana

Le mie considerazioni.
Il web fa giustizia d'un problema da me sollevato da anni: la pessima costruzione della piazza Risorgimento e relative responsabilità politiche e dipartimentali del Comune.
E' una progenitura della quale ne farei volentieri a meno. Ho trattato e battagliato inutilmente molte volte la questione, voce inascoltata, mai contro dedotta seriamente.
Eppure, il buon Collio (e facebookisti aggregati che mutuano il suo j’accuse sulla Piazza Risorgimento) pare lo facciano solo di striscio, non per la specificità della questione, ma solo per redarguire e spronare la minoranza consigliare silenziosa.
Silenziosità, per come la vedo io, sempre meno peggio dell’ iper-mutismo della maggioranza che china sempre, su quasi ogni questione, la capa.
Forse che gli uni sono meno silenziosi degli altri? O è una gara per la medaglia del silenzio? Forse che tutti i Consiglieri non rappresentano Cernusco? Oltre ai precedenti negativi della piazza, è scappata anche la questione, recentissima di quest'estate, avendo continuamente rimarcato la tipologia dei nuovi lavori.
E si, perché il nuovo lastricato ha del tutto CANCELLATO le famose vestigia precedenti e resettato tutte le tracce del mal costruito.
Ecco perché sostengo che mettere una pietra - anzi una grossa sampietrina - sul passato, fa comodo a tutti (silenzio) anche invertite le parti politiche.
Come si fa ora a "contestare" senza che nessuna abbia mai pensato di “peritare” l'immondo stato di fatto in cui versava la piazza Risorgimento? Durante i lavori di “demolizione” della piazza non si sarebbe dovuto/potuto “rendicontare” il tutto? E come può essere incolpato del disastro e sconquasso, un povero tubicino di adduzione acqua che si è sinistrato, come sosteneva il nostro Sindaco, peraltro non responsabile ai tempi della costruzione? E’ stato documentato questo presunto colpevole o presunto innocente? Restano solo le mie quattro foto? O c’è un folder documentale secretato? Tipologia di lavori significativamente marcata dal sottofondo d’asfalto, mai visto prima, foriero di possibili maggiori costi.
 Per essere sicuri della sua (futura) tenuta statica, qualche genio ha pensato di metterci sotto, come sottofondo, un manto di asfalto di spessore simile a quello che si usa per le carreggiate normali … non si sa mai! Che sia l’uovo di Comincini-Rosci? A me sembra un metodo kafkiano, anche facendo finta di nulla per la spending.
Me è anche un’esplicita ammissione che il sottofondo precedente (massello di calcestruzzo con rete [...]

Leggi tutto l'articolo