Nuova pagina 0

AVEVAMO IL RADAR E  NON LO USAMMO
Le più gravi perdite della nostra marina furono determinate dalla «mancanza» di questo strumento, che uno studioso italiano aveva realizzato fin dal 1939.
Difatti l'« Exeter » fu colpito otto minuti dopo l'inizio delio scontro, ebbe la plancia comando devastata e fu quindi, in pochi minuti, letteralmente disarmato dalle salve della « Graf Spee » che distrussero le sue tre torri, e dovette ritirarsi alle Falkland. Ma furono i 152 dei due incrociatori leggeri a devastare con 27 centri la corazzata tascabile. Forse, se avesse usato il radar, Langdorff avrebbe potuto cavarsela meglio.
Il radar (Radio Detector and Ranging: « radiorilevatore e (radio) telemetro ») è stato studiato assieme da scienziati inglesi e tedeschi dal 1928 al 1931. Fra gli inglesi, c'era quel Robert Watson Watt che fù poi considerato l'inventore del radar e norninato baronetto. « Si convenne, » dice un documento  reso pubblico anni fà, « di fare una serie di esperimenti con un localiz...

Leggi tutto l'articolo