Nuove norme dei Crediti Documentari NUU 600

Nel commercio internazionale la lettera di credito, o credito documentario, costituisce da sempre il mezzo di pagamento più utilizzato dalle imprese.
Il credito documentario costituisce un impegno inderogabile di una banca, detta emittente che agisce su istruzioni e per conto dell’azienda importatrice a favore di un beneficiario cioè un esportatore a condizione che costui presenti tutti i documenti richiesti secondo modalità e tempi previsti dalla lettera di credito e conformemente a quanto stabilito dalle Norme ed Usi Uniformi della Camera di Commercio Internazionale di Parigi.
  La lettera di credito è quindi il principale strumento usato per i pagamenti derivanti da scambi internazionali e rappresenta un vantaggio reale non solo per il venditore, ma anche per il compratore in quanto permette all'esportatore di predisporre la spedizione della merce con la sicurezza di incassare il proprio credito alla scadenza fissata; viceversa permette all'importatore di pagare, alla scadenza concordata e soltanto dopo l'avvenuta spedizione della merce e dopo la presentazione dei documenti alla banca incaricata del pagamento.
  Le norme che regolano i crediti documentari sono stati predisposti per la prima volta nel 1933 ed il primo luglio di quest’anno, con la pubblicazione numero 600 della CCI, sono entrate in vigore le nuove Norme ed Usi Uniformi (NUU 600) per i crediti documentari che di fatto semplificato la NUU 500 pubblicata nel 1994.
La Camera di Parigi è intervenuta per fornire definizioni più specifiche ed attuali al significato dei termini e dei concetti che avevano portato a interpretazioni difformi.
  La nuova pubblicazione tende a ridurre le situazioni di incertezza che spingono le banche a sollevare riserve, causando costi aggiuntivi per le imprese, ritardi nel regolamento del credito e, a volte, contestazioni da parte del mondo imprenditoriale dovuti alle discrepanze rilevate nell’esame dei documenti presentati ad utilizzo del credito documentario.
Con la sesta modifica è stata operata una riduzione quantitativa della normativa, che ha ridotto i numero degli articoli da 49 a 39; sono poi stati introdotti concetti nuovi riguardanti le definizioni dei termini “negoziare” che significa un esborso da parte della banca autorizzata a negoziare il credito a fronte dei documenti (art.
8), “onorare” (art.2), ovvero prevedere che il pagamento della banca avvenga secondo le modalità “a vista”, “differito” e “per accettazione” e tutte le possibili opportunità tranne la negoziazione.  Viene [...]

Leggi tutto l'articolo