Nuovi sussurri del vento

Stanco nella notte il vampiro incede Col suo impalpabile e affannoso passo Di nuovo cade e alla notte si abbandona Immobile nel buio osserva la luna Assapora l'odore dell'umida terra Inerme si arrende alle carezze del vento Vuoto si colma dell'umidità della notte.
Stanco nella notte il vampiro è immobile La sua pelle assapora la rugiada fra l'erba La luna maestosa gli ordina di rialzarsi Il vento gli rammenta che non è tempo di arrendersi E il suo spirito si nutre pur non volendo continuare a esistere Il vampiro si rialza e tristemente osserva il buio Pregando il vento di tacere.
Ma il vampiro, di nuovo, si erge nella notte L'anima sopraffatta da dolore e oscurità Si riaccendono i suoi occhi d'immortale fiamma Il vampiro è tornato Più pesante è il suo spirito Più profonde le sue orme.

Leggi tutto l'articolo