OGGI E' IL 5 MAGGIO

NAPOLEONE A SANT'ELENA SETTORE A SANTO DOMINGO Cioè, non vorrete che adesso mi metta a parlare del 5 maggio, sette fottuti anni dopo che ho preso quel dannato treno per Roma? Ha ragione Mourinho: il 5 maggio interessa solo alla Juve e a Tuttosport, che invece di occuparsi di cose serie (i cori razzisti o la Juve che va a catafascio) ha fatto mezza pagina di intervista a Poborsky, il diavolo se lo porti.
Continuerei invece ad occuparmi della prostituzione intellettuale e della sommarietà della professione giornalistica.
Breve riassunto delle puntate precedenti: domenica pomeriggio, in piena fregola ibrahimoviciana, l'Ansa batte un dispaccio (anni, dico, anni che volevo scrivere "batte un dispaccio") in cui cita Settore4c eccetera eccetera e i commenti di quattro insigni lettori (che impressione leggerli in Ansa), Siobelo, Fortebraccio, Schifarteruft e Quintilia, sulla vicenda del "zitti e sucate" di Ibra.
In effetti l'Ansa non poteva citarmi direttamente, perchè avevo postato solo la foto di Ibra zittente, niente testo.
Quindi ha citato i commentatori.
Occhei? A questo punto l'Ansa entra direttamente nei monitor di tutti i giornalisti italiani e due testate - la Gazza e Controcampo - decidono di sfruttare tutto questo bendiddio.
Controcampo confeziona un servizio a corredo del sondaggio serale, la Gazza ne fa un pezzo per il cartaceo di ieri, pagina 15.
Ora, potete immaginare quanto io sia stato contento di essere citato dalla Gazza, la mia cara vecchia Gazza, l'ex Bibbia oggi Gazzetty Fair, ma pur sempre quella teoria di fogli rosa che popola le giornate di noi maniaci.
Ma il cronista, per dovere di sintesi, cosa fa? Mette in bocca al blogger (sarei io) il commento del commentatore (in questo caso, Siobelo) che peraltro, tagliato con l'accetta, non corrisponde più nemmeno tanto al pensiero dello stesso commentatore.
Di sicuro non corrispondeva al mio, visto che nel post scritto l'altra sera (poco dopo la visita dell'Ansa, ahimè) ho sostenuto quasi l'esatto contrario.
Ancora un copincolla e sarei diventato basso, biondo e juventino.
Quindi stanotte, al termine di una giornata tormentata, ho preso una decisione.
Ho affittato un aereo privato e sono volato a Santo Domingo per una chiacchierata chiarificatrice con Siobelo.
L'ho avvertito alla partenza, avvenuta ieri sera dall'aeroportino degli executive di Linate, durante un urugano, nell'esatto momento in cui la Rai trasmetteva la fiction su Mattei.
Ho perciò volato con un mano sui coglioni e con l'altra sulla cloche (per risparmiare guidavo io) ma eccomi qui, a Santo [...]

Leggi tutto l'articolo