OLBIA GALLURA Addio ai treni, ma non alle rotaie

  da La Nuova Sardegna GIOVEDÌ, 30 OTTOBRE 2008 Addio ai treni, ma non alle rotaie spunta la metropolitana leggera Andrea Demuru            di TIZIANA SIMULA  OLBIA.
L’idea si snoda lungo i binari della ferrovia, rotaie non da smantellare ma da riutilizzare per continuare a tenere saldo il collegamento tra Golfo Aranci e Olbia, un tracciato dove la metropolitana di superficie potrebbe prendere il posto del treno.
L’ipotesi è già diventata un progetto sulla carta, un disegno che delinea uno scenario tutto nuovo sul fronte del collegamento tra i due comuni.
 Tutto ciò, utilizzando strutture in gran parte esistenti, cioè l’attuale linea ferroviaria.
L’ipotesi di realizzazione di una metropolitana di superficie tra Olbia e Golfo Aranci mediante il riutilizzo della rete ferroviaria è stata redatta dallo Studio d’equipe di Andrea Demuru e dallo Studio ingegneri Corrao, lo stesso gruppo di professionisti che attualmente sta predisponendo il progetto di raccordo ferroviario alla zona industriale di Olbia su incarico del Cines, titolari anche del progetto di circonvallazione ferroviaria esterna, passato dalla Comunità montana alla Provincia.
L’idea è stata presentata qualche mese fa all’Autorità portuale, un lavoro svolto autonomamente dal gruppo di professionisti che potrebbe portare un ulteriore contributo alla diffusa discussione in atto nel territorio sul futuro delle Fs e del trasporto merci.
Ciò anche alla luce della possibilità di finanziamenti europei e ministeriali per progetti che puntino al miglioramento della mobilità (già realizzati, ad esempio, a Sassari e Cagliari).
 In pratica, la metropolitana di superficie viene individuata dai progettisti come soluzione sostitutiva al trasporto passeggeri su treno nel comune golfarancino qualora il servizio merci venisse trasferito al molo Cocciani, con la conseguente disattivazione del tratto di linea ferroviaria di collegamento con Olbia.
«Il tracciato ipotizzato - spiega Andrea Demuru - ripercorre la linea ferroviaria esistente che si snoda verso Olbia.
Parte dalla stazione ferroviaria di Golfo Aranci e prosegue con fermate nelle diverse spiagge presenti lungo il percorso come Cala Sabina, Marinella e Porto Rotondo.
Il servizio, quindi, avrebbe anche un importante risvolto sotto il profilo turistico facilitando gli spostamenti di residenti e turisti nelle località balneari, e non solo: la linea si collegherebbe anche col porto industriale, la zona di Pittulongu, l’Isola Bianca, il centro città, il nuovo ospedale di Tannaule e [...]

Leggi tutto l'articolo