Oasis - Stop Crying Your Heart Out

Band nata a Manchester nei primi anni Novanta intorno ai fratelli Noel e Liam Gallagher e a Paul "Bonehead" Arthurs (chitarra), Paul "Guigsy" McGuigan (basso) e Tony McCarroll (batteria) , in attività fino al 2009.
Dopo una breve gavetta la band fa breccia con "Supersonic" e "Live Forever" inserendosi nell'olimpo del rock.
Successivamente Guigsy e Bonehead lasciano il gruppo e vengono sostituiti da Andy Bell e Gem Archer.
Molto interessanti sotto il profilo artistico, entrano subito nella scena musicale inglese e mondiale attraverso una sorta di rilettura dello stile Beatles in chiave pop-rock contemporanea.
Quello degli Oasis è uno dei gruppi che hanno avuto maggiore successo e influenza nella società britannica e nel mondo tra quelli nati negli anni Novanta nell'ambito del movimento Britpop, fino ad assurgere a vero e proprio fenomeno di costume.
La loro musica, a metà tra il rock anni settanta e il rock and roll, ha saputo dare un nuovo significato al termine Britpop, mentre i loro litigi e il loro atteggiamento talvolta bizzoso e rude sono stati oggetto di un'attenzione crescente da parte dei media.
Gli Oasis hanno venduto circa 65 milioni di dischi in tutto il mondo, hanno piazzato 8 singoli al primo posto nel Regno Unito, 22 singoli consecutivi nella top 10 inglese e raccolto 15 NME Awards, 5 Brit Awards, 9 Q awards e 4 MTV Europe awards.
Il brano che stiamo ascoltando è tratto dall'album del 2002 "Heaten Chemestry" con il quale tentarono un ritorno alle origini dopo un periodo di calo dovuto soprattutto ad un'ispirazione non più fervida di Noel Gallagher fino ad allora unico autore dei brani.
Inizia da questo momento una scrittura più collettiva, anche se l'impianto musicale rimane beatlesiano con moltissime citazioni dai testi alle melodie dei brani.
"Stop crying your heart out" è una classica e delicata ballata pop cantata da Liam Gallagher, uno dei brani migliori del nuovo corso.
Come hanno spiegato gli Oasis stessi, si tratta di un incitamento ad andare avanti nonostante le asprezze della vita, scritto pensando ad un loro amico che attraversava un momento di difficoltà.
Ma tutti, singolarmente, in compagnia e per esteso persino la società prima o poi passiamo dei brutti momenti.
La cosa importante è saperlo e non lasciarsi abbattere, non pensare di essere in una situazione disperata.
Questo è ciò che dobbiamo tenere bene in mente: mai perdere la speranza per nessun motivo.
Come neppure sperare di poter tornare indietro e cambiare ciò che è stato.
Questo non è possibile, quindi inutile sprecare [...]

Leggi tutto l'articolo