Obama in Ghana:«Il futuro del continente appartiene agli africani, basta corruzione e tirannie»

elaborazione MOWA Il discorso di Obama, fatto un anno dopo lo scoppio delle crisi economica di sovrapproduzione, il 2008, ad Accra, è la base politico-programmatica su cui si fondano le lotte delle borghesie del Nordafrica e del Medioriente, dirette quindi ad allargare il modello di democrazia all’americana e di economia consumistico-capitalistica anche in quelle aree.
Il consumismo, necessità del sistema capitalistico per fronteggiare la sua  stessa crisi economica, non prevede la sua messa in discussione.
Comunque i masso-capitalisti, dovranno avvicinare quei popoli al nostro modello economico-sociale, dovranno consumare, quindi si estenderà anche il proletariato, la classe oggettivamente antagonista ai capitalisti, lavoriamo per far sì che lo diventi anche soggettivamente.
I masso-capitalisti, sono convinti dalle loro liturgiche pratiche di loggia e credenze esoteriche, di essere diventati un tutt’uno con il Dio biblico e da questa unione Dio può operare nella storia.
Quindi chi non conosce queste pratiche non è in contatto col divino e quindi non è uomo.
Alla faccia della eguaglianza.
Compito dei comunisti è anche quello di riportare gli uomini coi piedi in terra e far capire che certe idee producono, se applicate, come sono applicate nel sistema capitalistico, eventi molto pericolosi.Saluti comunisti Andrea MontellaCorriere della Sera11 luglio 2009 Obama in Ghana: «L'Africa non è sola» Discorso al Parlamento: «Il futuro del continente appartiene agli africani, basta corruzione e tirannie»Discorso al Parlamento: «Il futuro del continente appartiene agli africani, basta corruzione e tirannie»ACCRA - Il futuro dell'Africa appartiene dagli africani, bisogna dire basta a tirannie e corruzione e adottare le regole del buon governo: così il ventunesimo secolo vedrà protagoniste non solo le capitali occidentali, ma anche il continente nero.
Barack Obama ha parlato al Parlamento di Accra, capitale del Ghana, nella sua prima visita ufficiale in un Paese dell'Africa subsahariana.
«Conosco bene il tragico passato che a volte ha ossessionato questa parte del mondo.
Nelle mie vene scorre il sangue dell'Africa e la storia della mia famiglia comprende sia le tragedie sia i più grandi successi della storia africana» ha ricordato il presidente americano.
Il Ghana è stato indicato come «esempio di democrazia» e Obama ha detto che in tutto il continente «occorre mettere fine alle pratiche antidemocratiche e alla corruzione, adottando le regole del buon governo, da cui dipende lo sviluppo, un ingrediente che [...]

Leggi tutto l'articolo