Odisseo racconta: nella grotta del ciclope

Ulisse, naufragato sull' isola dei Feaci, viene accompagnato da Nausicaa alla reggia, e da quel momento inizia a raccontare le sue avventure, una di quelle era che Ulisse incontra il ciclope Polifemo, il quale gli ha riservato una brutta accoglienza, uccidendo gli amici di Ulisse.
Dopo averli mangiati, il ciclope si stende e Ulisse per punirlo pensa di trafirgergli una spada nel petto, ma venne fermato da un altro pensiero: se avesse ucciso il ciclope non sarebbero più potuti uscire dalla grotta perchè c'era un grande masso.
Arrivata l' alba Polifemo fa i suoi lavori, mangia altri amici di Ulisse e porta a pascolare le pecore.
Mentre Polifemo era fuori Ulisse vide un albero d'olivo e ordina agli amici di lavorarlo.
Dopo averlo lavorato, Ulisse lo aguzza e per non farlo vedere da Polifemo lo nasconde sotto il letame.
Poi loro tirano a sorte chi doveva andare a conficcare quel palo nell'occhio del ciclope, mentre dormiva.

Leggi tutto l'articolo