Olanda e Tulipani - Consigli Utili

Prima ancora di pensare ai suoi monumenti, di osservare le fotografie dei canali di Amsterdam o di ripensare ai suoi paesaggi che ispirano pace e voglia di vivere all’aria aperta, l’Olanda ha un suo simbolo coloratissimo quanto meraviglioso: i tulipani.
Una peculiarità che, devo riconoscerlo, mi ha fatto innamorare durante il recente viaggio stampa organizzato dall’Ente del Turismo locale e mi ha fatto portare a casa una discreta quantità di bulbi, adesso in piena fioritura.
In generale, comunque, il rapporto degli olandesi è profondo un pò con tutti i fiori e questo legame indissolubile si può scorgere soprattutto in primavera, quando intorno i panorami si accendono di campi carichi di gradazioni cromatiche intense e splendide.
In questo tratto di mondo, già nel XVII secolo, le case si arricchivano di presenze floreali per tenere lontani i cattivi odori e per creare quindi una sorta di deodorante naturale in un’epoca in cui i prodotti moderni non erano ancora arrivati.
L’aspetto estetico prima secondario, cominciò ad assumere ben presto un ruolo in primo piano ed oggi Amsterdam e dintorni sono tra i maggiori produttori ed esportatori di questo elemento naturalistico nel globo, con in mano il 92 per cento del mercato mondiale.
Oltre ai tulipani, quali sono i fiori che vengono coltivati in Olanda.
Non mancano, il giacinto, l’iris, la dalia, il lillà, il garofano, la rosa, il crisantemo e l’elenco potrebbe essere ancora molto lungo.
In particolare, i tulipani furono introdotti dalla Turchia nel XVII secolo, dando vita ad una sorta di mania collettiva, che non vi nascondiamo a noi piace molto.
Risulta essere fantastico passeggiare per le strade di Utrecht o di Rotterdam tanto per fare qualche esempio e accorgersi che accanto ai profili di case e negozi e intorno ai suggestivi canali, mentre le biciclette letteralmente invadono le strade, il contorno di questa quotidiana scena è arricchita dagli accesi colori dei fiori.

Leggi tutto l'articolo