Opzioni, l'insidia dei contratti d'opzione sui terreni

L'insidia dei contratti di opzione sui terreni (tratto da La Nuova Sardegna)
di Kety Sanna
NUORO. È una vera corsa alle terre quella che si è scatenata in tutta l'isola per la creazione di energia alternativa prodotta dal vento. Quaranta o forse più le società in gara per accaparrarsi il maggior numero di aree dove poter realizzare gli impianti. L'ininterrotta stipulazione di contratti di opzione e accordi preliminari fa sorgere però dei dubbi. Le chiamano «wind farm», le fattorie del vento, e dovrebbero ospitare per 25 anni gli aerogeneratori che, localizzati in punti strategici in precedenza individuati, trasformeranno l'energia cinetica del vento in energia meccanica. Ogni centrale di medie dimensioni può ospitare 80 macchine della capacità di 60 MW. Anche il vento deve avere delle caratteristiche particolari perchè possa essere utilizzato dagli aerogeneratori. Non deve superare i 26 chilometri orari. Per realizzare la struttura occorrono almeno 150 miliardi. Somme che in parte veng...

Leggi tutto l'articolo