Orrore nel Napoletano: uomo uccide con una coltellata la nipotina di due mesi

MONTE DI PROCIDA.
L'omicida sarebbe un tossicodipendente con turbe psichiche.
La bimba colpita con un fendente alla golaNAPOLI - Un uomo ha ucciso con una coltellata la nipotina di due mesi.
Il delitto è accaduto a Monte di Procida, in provincia di Napoli.
L'omicida della piccola Sofia è stato arrestato dai carabinieri.
Si chiama Antonio Raffaele Spinelli e ha 29 anni.
Al momento della cattura non ha opposto resistenza, nè pronunciato parole.
L'uomo, è stato accertato, è in cura presso un centro d'igiene mentale, mentre non ci sono conferme su una sua presunta tossicodipendenza.
RAPTUS - Ricostruita la dinamica dell'omicidio.
I genitori di Sofia, residenti a Baiano (Avellino) , erano usciti per una passeggiata lasciando la bimba con la nonna.
Sembra che quest'ultima avesse in braccio la piccola quando l'uomo l'ha reclamata per sè chiedendo di prenderla in consegna.
In un primo momento la donna gliel'ha ceduta ma quando la bimba ha cominciato a piangere ha chiesto al figlio di riconsegnargliela.
A quel punto l'uomo ha respinto la madre con una spinta che l'ha fatta cadere per terra.
Quindi, colto da raptus, si è procurato un grosso coltello da cucina con il quale ha colpito la bambina alla gola uccidendola sul colpo.
SOCCORSI INUTILI - A nulla sono valsi i soccorsi, la piccina è morta sul colpo.
A dare l'allarme, e a chiamare il 112, sono stati alcuni parenti richiamati dalle grida della nonna.
Per la mamma di Sofia, la tragica scoperta è avvenuta al suo ritorno a casa.
Redazione online

Leggi tutto l'articolo