Oscar Part.1 - Di Caprio il Redivivo

Ciao a tutti…   Ci avviciniamo ad un grande serata per il Cinema, quella che tutti gli attori attendono con ansia, La notte degli Oscar.
Da qui in poi vi parlerò dei film che si giocano più statuette, dei clamorosi eterni secondi e di chi secondo me vincerà; il lunedì successivo agli Oscar discuterò generalmente di ciò che sarà stato vinto e di chi non avrà vinto ma che avrebbe dovuto.
  Inizieremo dal film con l’attore più in voga da 5 edizioni degli Oscar ad oggi guidato dal regista vincitore dell’anno scorso.
  THE REVENANT – Redivivo Il film, considerato fantastico da molti, ha qualche nota dolente.
Per avere una visione completa della pellicola, dobbiamo, per forza, vedere due sezioni all’interno dello stesso girato.
Prima sezione – Uomini al lavoro Con questo titolo intendo parlare del cast, quindi degli attori, del regista e di tutta la truope.
Partiamo dal regista, Alejandro González Iñárritu, geniale regista che ancora una volta sorprende, girando quasi l’intero film a luce naturale, quindi in un paio di ore al giorno.
Mantiene sapientemente la sua particolarità, la ripresa continua, che permette allo spettatore di rimanere in azione insieme al film; questa tecnica non è costante in questo film (vedere Birdman), perché già una novità l’anno scorso, sarebbe stato ripetitivo, quindi è stata dosata.
I paesaggi sono stati ripresi con sapiente perfezione, trasportando tutta la crudeltà e la maestosità delle terra che abitiamo attraverso un “semplice” telecamera.
Proseguiamo con la troupe, avventurosa e temeraria, ha girato l’intero film in condizioni disarmanti per una persona abituata all’agio, inteso come civiltà.
Molti parlano di come siano stati numerosi gli abbandoni del lavoro a riprese in corso; a causa dell’inumano paesaggio a cui sopravvivere.
Complimenti.
Passiamo agli attori, parlerò di tre dei principali, due dei quali candidati all’oscar, un terzo, ingiustamente no.
Leonardo Di Caprio Finalmente è uscito dai panni del solito psicopatico, nella parte del quale è bravissimo, ma ormai monotono.
Questa volta ha dimostrato di poter essere anche qualcuno di disperato, non matto, ma a cui la vita ha strappato tutto, non quello arrivato, ma quello che non riesce più ad arrivare e si arrende a due passi dal successo agognato.
Di Caprio ha dimostrato di mettersi a pieno in un ruolo, ha dimostrato le sue doti, ha dimostrato di essere versatile, ha dimostrato di essere da Oscar.
Non so se vincerà l’Oscar quest’anno, ma vi dico che a parer mio è il primo vero [...]

Leggi tutto l'articolo