Ostia, giornalisti in presidio davanti alla palestra di Spada: “Vogliamo la libertà di lavorare senza subire violenza”

Ostia, giornalisti in presidio davanti alla palestra di Spada: “Vogliamo la libertà di lavorare senza subire violenza”

CRONACA
Sit-in in via Forni, davanti alla palestra gestita dall'uomo che ha rotto con una testata il naso di Daniele Piervincenzi e picchiato con un manganello l'operatore Edoardo Anselmi della troupe di 'Nemo': "Vogliamo chiedere agli abitanti del quartiere la loro opinione su questo atto di violenza pura"


di F. Q. | 10 novembre 2017

Si sono radunati in via Forni, davanti alla palestra di Roberto Spada. Per dimostrare che non hanno paura. Per far sì che i riflettori non si spengano sul pestaggio subito dalla troupe di Nemo. Per rivendicare “la libertà di lavorare senza subire violenze”. Circa 60 cronisti di varie testate tra giornali, tv e siti web si sono ritrovati questa mattina a Ostia, nel luogo in cui l’esponente del clan ha rotto con una testata il naso di Daniele Piervincenzi e picchiato con un manganello l’operatore Edoardo Anselmi. “E’ importante ris...

Leggi tutto l'articolo