P.RUNGI. COMMENTO E PREGHIERA PER LA SOLENNITA' DELL'EPIFANIA 2015

SOLENNITA’ DELL’EPIFANIA 6 GENNAIO 2015  RIVESTIAMOCI DELLA LUCE DI CRISTO  Commento e preghiera di padre Antonio Rungi  La solennità dell’Epifania, della manifestazione di Cristo a tutta l’umanità, quale unico redentore e salvatore, ci invita a rialzarci, a rivestici di luce, ad abbandonare tutte le tenebre, di qualsiasi genere, che possono oscurare il cuore e la mente di ogni persona e del genere umano.
Sono, infatti, tantissime le tenebre che avvolgono questo mondo, in questo nostro tempo segnato da tanti avvenimenti negativi, frutto dell’oscurità più totale che si è affermata nella mente dell’uomo moderno.
Fare spazio alla luce, al positivo, alla gioia significa fare spazio a Gesù Cristo, come i re Magi, questi scienziati del tempo di Cristo, questi intellettuali e saggi che, mossi dalla curiosità della stella cometa, si incamminano per “vedere” fino a che punto, quel punto di luce acceso nell’universo avesse portato il sapere umano.
Ebbene il punto dove si ferma questa stella nuova ed inattesa, inaspettata, fu la grotta di Betlemme, ai piedi di Gesù bambino, la novità assoluta di allora e di sempre, perché Cristo fa nuove tutte le cose, in ogni tempo ed in ogni epoca.
Il tema della luce, che è poi nella sacra scrittura segno ed espressione della fede, accompagna la liturgia di questa bellissima solennità che tutte le feste porta via.
Se è vero che dopo l’Epifania si riprendono i ritmi soliti della vita quotidiana, almeno nel nostro Paese, è pur vero che da domani in poi, la vera festa del cuore, dell’anima, della vita interiore non va via, permane, anzi accresce ed aumenta in consistenza in quanto i frutti spirituali di questo periodo di Natale che abbiamo vissuto si vedono a distanza.
Dopo la sazietà di tante celebrazioni a partire dalla messa di mezzanotte di Natale, alla festa della Santa Famiglia, al Te Deum di ringraziamento di fine anno, alla celebrazione della solennità della Madre di Dio, nel primo giorno del nuovo anno, e agli altri momenti di festa e celebrazioni varie, è stato un inno continuo alla luce che viene dal cielo e rischiara le tenebre della nostra mente e della nostra storia, in quanto a noi viene la Luce stessa che è Gesù.
Questa luce attesa da secoli è preannunciata dai profeti ha una particolarità tutta sua, che a ben ragione Isaia, nel testo della prima lettura di oggi, ce ne far godere gli effetti e i riflessioni sul nostro modo di pensare e di agire: “Àlzati, rivestiti di luce, perché viene la tua luce, la gloria del Signore brilla sopra di [...]

Leggi tutto l'articolo