PAGINE DI VITA

  GLI OCCHI DI INTERNET   Quando si prende in mano una penna è perché si vuole scrivere.
A meno che non la si utilizzi per raccogliere i capelli in mancanza di un elastico.
Io ho scritto per anni, con una penna.
Ho riempito tanti diari, tanti quaderni, tanti fogli.
Ho scritto racconti, lettere, temi, pensieri.
Tutte queste pagine sono  conservate nel cassetto dei miei ricordi, e anche se molti fogli sono volati via col tempo la memoria mi aiuta a tenerli insieme ancora adesso.
Nel terzo millennio abbandono la penna per i tasti di un computer, lascio i fogli di carta in bianco per riempire di colori quelli del web.
Decido così di creare il mio angolo di scrivania in questo complesso mondo avanzato di tecnologie e media.
Viaggio in internet anch’io tenendo ancora la mia penna con una mano; chiudo nel cassetto i fogli ancora vergini e decido di continuare qui.
Non per  forza qualcuno dovrà leggermi, non per forza qualcuno dovrà capire, non per forza qualcuno dovrà amarmi.
Il pubblico di me sarò io stessa, e i tasti del computer appagheranno la mia sete di parole senza lasciarle andare al vento.
Il cassetto dei ricordi è ormai pieno,  e chissà che questo mio nuovo spazio non rimanga,col tempo, agli occhi di internet.
   

Leggi tutto l'articolo