PALERMO, NON DARE SOLDI AI ROM, GUADAGNANO PIU DI TE

Sicuramente qualcuno avra dato del razzista a chi ha messo quel cartello  analizzando la  situazione però a me sembra l'abbia fatto per  non perdere i clienti e di questi tempi come dargli torto  in più se è come in tutta Italia i Rom vengono pagati un tot al giorno e con i vari lavoretti notturni e diurni arrotondano molto bene  un italiano si deve arrangiare  loro vengono aiutatiPalermo, cartello choc di un supermercato: «Non date soldi ai rom, guadagnano 80 euro al giorno, più di un operaio» adesso senza fare i buonisti o razzisti ma solo parlando serenamente conoscendo come funziona e sapendo che nessun Rom e mai morto di fame cosa pensate voi?     "Non fate l'elemosina agli zingari davanti alla porta.
Guadagnano dai 60 agli 80 euro al giorno, più di un operaio specializzato italiano".  Polemiche a Catania per il cartello affisso all'ingresso di un supermercato.
La direzione del negozio si difende: "Non è razzismo.
Allontanano i clienti indispettiti dall'insistenza.
Abbiamo chiesto l'aiuto delle forze dell'ordine ma ci dicono che è un problema dei servizi sociali del Comune".
Da circa tre anni una famiglia rom staziona davanti all'ingresso del supermercato di piazza Cavour, in centro città.
«Fanno i nostri stessi orari di lavoro e, quando vanno in ferie, mandano dei parenti a sostituirli».
Il loro introito, secondo il supermercato, è altissimo: "Della cifra siamo certi perché, a fine giornata, vengono alle casse per chiedere di cambiare le monete con banconote".
"Non siamo razzisti, vogliamo soltanto tutelarci: anche clienti che abitano qui vicino non vengono per evitare di subire la pressante richiesta di elemosina.
Alcuni prendono le buste della spesa dei clienti e li accompagnano fino alle auto.
La nostra iniziativa vuole essere uno stimolo a pensare e speriamo che chi può adesso agisca nel fare rispettare le leggi", conclude la direzione del supermercato.
http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/palermo _cartello_ supermercato_rom_elemosina/notizie/855156.shtml

Leggi tutto l'articolo