POESIA de Franciscu Carlini in onore di Cicitu Masala

PO FRANCISCU MASALA   No m’ant cuncediu de movi unu passu avatu de su cinixu suu pinnigau in d’una cascitta chi a serru at scipiu capi su corpus de unu òmini mannu de buntadi, po una grandu poesìa chi sa boxi at donau a is pòberus de una terra bella e disdiciada.
Ma nemus un’amistadi nd’at a podi scancarai chi sighit citìa a pustis de medas attobius, paràulas e paràulas penzamentus e penzamentus e ideas in s’aposenteddu in artu in artu prenu de mari de soli asuba de sa bianca cittadi fenicia.
Is nemigus de ariseru ndi funt essìus a campu in nòmini de un’amistadi mai tenta chi unu mortu no podit prus arreusai, e funt bantus po unu poeta chi mai oberrìat sa genna a is affaristus de sa cultura a is mercaderis de su templu.
  Is chistionis deu sigu longas de prus de cinquant’annus e no m’intendu a solu.
Su sèmini ghettau at donau fruttus in medas terras e funt differentis e totus succiosus.
Sa presenzia sua est ancora innoi in d’unu logu chi no ap’a narri poita nemus si pozzat strobai.
      PER FRANCESCO MASALA   Non mi hanno concesso di muovere un passo dietro le sue ceneri raccolte in un’urna che a stento ha saputo contenere il corpo di un uomo grande per bontà, per una poesia grande che voce ha dato ai poveri di una terra bella e infelice.
Ma nessuno un’amicizia potrà mai scardinare che continua muta dopo tanti incontri, parole e parole pensieri e pensieri e idee nell’aerea stanzetta piena di mare di sole sulla bianca città fenicia.
I nemici di ieri sono usciti allo scoperto in nome di un’amicizia mai avuta che un morto non potrà più contestare, e sono lodi per un poeta che mai apriva la porta agli affaristi della cultura, ai mercanti del tempio.
  Io continuo i lunghi colloqui di oltre cinquant’anni e non mi sento solo.
Il seme gettato ha dato frutti su molti terreni e sono diversi e tutti succosi.
La sua presenza è ancora qui in un posto che non dirò perché nessuno possa disturbarci.

Leggi tutto l'articolo