"PULIAMO CERTOSA" HA GIA' RAGGIUNTO IL SUO PRIMO SCOPO

"Puliamo Certosa", la giornata che il Comitato di Quartiere organizza domani per accendere i fari sulla situazione dei rifiuti nel quartiere, ha già raggiunto il suo primo scopo.
Da ieri, infatti, squadre di netturbini stanno ripulendo le vie e gli anfratti come non si era mai visto prima.
Perfino il parcheggio in disuso di via Parri, di proprietà Pirelli RE, ha subito un'operazione di pulizia notevole, su richiesta del Comune.
Già tempo fa il Sindaco aveva richiesto, a suo dire, di ripulire l'area: sarà un caso che la proprietà si sia decisa proprio ora? Meglio comunque per tutti e per i volontari che, domani pomeriggio, avranno qualcosa in meno da fare.
Ma immondizia ce n'è sempre e non sarà difficile portare a termine il compito che il Comitato si è prefisso.
Grande risalto all'iniziativa è stato dato dalla stampa locale.
Ecco un articolo pubblicato ieri sul "Cittadino": "Un gruppo di volenterosi cittadini di Certosa nella giornata di sabato a partire dalle 15 si metterà all’opera per fare le pulizie “di primavera” negli angoli più nascosti dell’agglomerato urbano.
Si tratta di un’iniziativa spontanea del comitato di quartiere che, all’aspetto più operativo, abbina anche il valore simbolico e consolida il senso di appartenenza dei residenti più attenti.
Parte così un richiamo a comportamenti civili in uno dei quartieri che per anni ha pagato lo scotto di dover fare i conti con rifiuti ingombranti e cumuli di bottiglie di vetro abbandonate in luoghi impropri.La scaletta dei lavori prevede un appuntamento alle 15 presso il parco giochi di via Olona, in cui sono attesi i volontari muniti di guanti, e magari anche di scopa o rastrello, i quali, ciascuno in base alle proprie possibilità, potranno fornire un contributo alla buona riuscita dell’evento.
Mentre i sacchi in cui verranno suddivisi i rifiuti saranno forniti dalla delegazione civica.
Tornando al programma, concluse le operazioni in via Olona, area Laghetto compresa, il gruppo si sposterà in via Greppi, con tanto di sosta presso i giardinetti di via Po e altri punti su cui è stata concentrata l’attenzione nel corso dei sopralluoghi.
Durante i lavori verranno scattate delle foto, in cui l’obiettivo sarà puntato sui tratti della zona che difficilmente i mezzi meccanizzati riescono a raggiungere, nonché sui luoghi che gli incivili talvolta utilizzano come discariche a cielo aperto.I promotori dell’iniziativa, che verrà testata per la prima volta sul campo, hanno intenzione di costruire un dossier da inviare all’assessore [...]

Leggi tutto l'articolo