Paesaggi Culturali – Mappatura del paesaggio, un esempio Madrid 2013

Nel 2013 compio 55 anni, meglio togliersi di mezzo: parto per Madrid.
Da etrusco che sono, pur essendo già stato tante volte in Spagna ma non nella capitale, parto sulle tracce del leggendario re etrusco Ocno che si narra abbia fondato la città.
Città strana Madrid, abituato a capitali europee che, Roma in testa, si sviluppano su storie più che millenarie, rimango sorpreso da una città in cui la stratificazione storica è limitata a nemmeno 5 secoli, quella visibile a soli 3.
Lasciando da parte le incerte origini etrusche, così come insediamenti romani prima e visigoti poi, la città moderna è fondata nel IX secolo da un sultano, oggi diremmo arabo, che qui si costruisce la residenza reale.
Gli arabi vengono cacciati da Madrid un paio di secoli dopo, nel 1085, ma solo circa cinque secoli dopo, nel 1561, diviene capitale della Spagna iniziando a svilupparsi vivacemente, sino ad oggi, se si esclude un brevissimo periodo (1601-1606) in cui fu portata a Valladolid.
All'inizio del XVIII con la dinastia Borbone, succeduta al ramo spagnolo degli Asburgo, distrutta la cittadella araba da un incendio nel 1734, si costruisce il Palazzo Reale esattamente dove sorgeva l'Alcazar, la residenza reale araba e il museo del Prado.
La storia precedente testimoniata dall'Alcazar e dalla Moschea, già cristianizzata e trasformata in chiesa, come già fatto in tante altre città spagnole, è completamente piallata.
Come se non bastasse, l'arrivo di Franco e la sua lunga permanenza al potere, dal 1939 in cui conquista Madrid combattendo anche contro i garibaldini delle brigate internazionali, al 1975 in cui muore, ha piallato una seconda volta la città.
A partire dal 1948 centinaia di migliaia di spagnoli emigrano da ogni parte del paese verso la città.
La tumultuosa crescita demografica fa sorgere in pochi anni sterminati quartieri dormitorio, mentre nel centro interessato dalla speculazione, si abbattono edifici storici per far posto a moderni edifici moderni costruiti seguendo stilemi moderni dal marcato carattere politico.
Sono gli edifici di Gotam City per capirsi, la città in cui opera Batman.
Edifici: realisticamente alti ma virtualmente infiniti; razionalmente lineari, ossessivamente ripetitivi, ieraticamente dominanti, lucidamente asettici, inespressivi, prospetticamente incombenti; iconici del potere franchista.
Per questo sono rimasto deluso, solo architettonicamente, da Madrid, la doppia piallatura nasconde le antica vestigie le tracce della trasformazione da araba a cristiana, i segni medioevali, tutta l'architettura è [...]

Leggi tutto l'articolo