Palermo, molesta e palpeggia bagnanti a Mondello. Arrestato un trentenne

Tintarella da incubo per alcune bagnanti ieri mattina a Mondello.
Lungo la spiaggia infatti, due donne sono state importunate e palpeggiate da un trentenne del Bangladesh, A.M., noncurante di mariti e bagnanti che, inorriditi, tentavano di bloccarlo.
Due le denunce presentate ai carabinieri.
In un caso una donna è riuscita a divincolarsi dalla presa dell'uomo soltanto grazie alle urla della cognata.
Un'altra donna, ha invece raccontato che mentre si trovava sulla spiaggia, intenta a sistemare il proprio telo per prendere il sole, è stata palpeggiata dall'uomo che si trovava alle sue spalle: malgrado le urla, il maniaco ha continuato ugualmente nella sua azione fino all'intervento del marito della donna, che ha cercato inutilmente di bloccarlo.A porre fine all'incubo ci hanno pensato gli agenti del commissariato di polizia di Mondello, che hanno notato il trentenne mentre si allontanava a passo svelto dalla spiaggia, con diversi bagnanti che gli urlavano contro.
Insospettiti lo hanno avvicinato e, contemporaneamente, è giunta la comunicazione dalla centrale operativa, allertata da alcuni bagnati, con la segnalazione di un extracomunitario di colore con la barba lunga che molestava delle donne lungo la spiaggia e messo in fuga da un gruppo di persone.
L'uomo è stato bloccato e subito riconosciuto dalle due donne importunate, che hanno sporto denuncia.
Dopo i controlli, il trentenne è risultato essere un clandestino: rinchiuso all'Ucciardone, adesso dovrà rispondere del reato di violenza sessuale.
(PalermoToday)

Leggi tutto l'articolo