Pallone d'Oro, la scelta di Ronaldo: "Duello Maldini-Roberto Carlos"

PARIGI - I calciatori italiani invadono le nominations del Pallone d'Oro e "quando si parla di italiani c'è un giocatore che mi sembra al di sopra di tutti, Paolo Maldini": questa l'opinione di Ronaldo, detentore del trofeo intervistato dal settimanale francese che assegna il premio, 'France Football'.
Lui, Ronaldo, però, sceglie il compagno di squadra Roberto Carlos: "E' completo, segna gol magnifici.
Merita il riconoscimento".
Per il Fenomeno, comunque, Maldini "riunisce in sè tutte le qualità e meriterebbe il premio.
E' un calciatore straordinario - continua Ronaldo - al quale è riuscita una carriera fenomenale, una persona che apprezzo in modo particolare.
E' un leader, un capo come non ce ne sono molti, e un difensore di qualità che praticamente non commette mai errori".
L'elogio di Paolo Maldini si unisce, nella lunga intervista, a quello della sua squadra, il Real Madrid, e dei suoi compagni, con i quali Ronaldo afferma di divertirsi moltissimo.
Il Fenomeno non ha dubbi sul suo preferito, quello a cui darebbe quest'anno il pallone d'oro, perchè l'anno scorso fu proprio lui, il Ronaldo reduce dalla valanga di reti al mondiale di Giappone/Corea, a strapparglielo: "Roberto Carlos poteva benissimo vincerlo lui l'anno scorso - ammette l'ex interista - io l'ho battuto ma lui è ancora lì, 12 mesi dopo.
Se dipendesse da me glielo darei quest'anno.
E' il mio grande favorito.
Per me è al di sopra, ha tutte le qualità.
Non soltanto è un gran difensore, ma dà tutte le garanzie di spettacolo.
Segna gol incredibili.
E poi, è sempre allo stesso livello.
Questo è davvero impressionante.
E' semplice, mi sembra sempre più giovane".
Ronaldo, due volte vincitore del Pallone d'oro (1997 e 2002), passa in rassegna ed elogia una quantità di altri colleghi, soprattutto suoi compagni di squadra, da Zidane ("sempre ottimo, sempre all'altezza") a Raul, Figo e anche Beckham, che "ci ha sorpreso tutti perchè lavora moltissimo e corre come un pazzo".
Tornando al campionato italiano ha parole di apprezzamento per Inzaghi e Shevchenko - "due grandi attaccanti che hanno segnato tanti gol quest'anno e fanno parte dei potenziali candidati" - e per Pavel Nedved ("Non male").
Ma avverte che in lizza c'è anche lui, che vorrebbe tanto un terzo riconoscimento: "Sarei davvero molto, molto contento di essere premiato di nuovo.
Faccio del mio meglio, poi sta agli altri giudicare".
Per Ronaldo si deciderà tutto in una manciata di voti e forse conterà il rendimento del mese di novembre: "Credo che nulla sia ancora deciso e la lotta resti [...]

Leggi tutto l'articolo