Panzer V Panther

Il Panzer V Panther fu un carro armato tedesco durante la seconda guerra mondiale che prestò servizio da metà del 1943 fino alla fine della guerra in Europa nel 1945.
Fu progettato come opponente del T-34 e per rimpiazzare i Panzer IV e III, sebbene prestò servizio al loro fianco e a fianco dei più pesanti Tiger I e Tiger II fino alla fine della guerra.
La sua eccellente combinazione di potenza di fuoco, protezione e mobilità servì da banco di prova per i carri armati di fine e post guerra di altre nazioni ed è frequentemente considerato insieme al sovietico T-34-85 come il miglior progetto di carro armato della seconda guerra mondiale.
Fino al 1944 venne designato come Panzerkampfwagen V Panther e ebbe la designazione di inventario di "Sd.Kfz.
171".
Il 27 febbraio 1944 Hitler ordinò che fosse conosciuto solo come Panther.
Indice Carro Panther.
In evidenza l'elevata inclinazione della corazza frontale dello scafo.
Nei primi anni di guerra le Panzerdivisionen (divisioni corazzate) tedesche ottennero successi formidabili in Polonia, Francia, nei Balcani, in Nord Africa e Russia: i carri armati tedeschi sono infatti, assieme alla Luftwaffe, la spina dorsale dell'apparato militare nazista.
Inizialmente i principali modelli componenti le divisioni corazzate tedesche sono i Panzer III e IV, che però si rivelarono inferiori ai sovietici T-34 e KV-1, sorse pertanto il bisogno di modelli in grado di opporsi efficacemente ai più potenti carri russi.
Le specifiche richieste per il nuovo carro vennero diffuse nel gennaio del 1942 e la MAN e la Daimler-Benz presentarono i loro progetti già nell'aprile successivo: la proposta accettata fu quella della MAN e in settembre comparve il primo prototipo, il Panzer V.
Caratterizzato da una disposizione convenzionale, con vano di guida anteriore, torretta centrale e motore posteriore, le ruote motrici erano invece anteriori e il treno di rotolamento consisteva in otto ruote per lato di grande diametro, parzialmente sovrapposte (quattro ruote singole e quattro doppie); le sospensioni erano del tipo a barre di torsione.
Tra le caratteristiche più evidenti del nuovo carro vi erano le piastre della corazzatura fortemente inclinate, una soluzione ripresa appunto dai carri sovietici, e il lungo cannone che sporgeva considerevolmente dal limite anteriore dello scafo.
L'armamento principale consisteva nel nuovo cannone da 75 mm KWK 42 lungo 70 calibri; a fianco del cannone era montata una mitragliatrice MG 34 da 7,92 mm; un'altra arma dello stesso tipo era installata nella parte anteriore [...]

Leggi tutto l'articolo