Papa Francesco nella lista di «Time»

Papa Francesco, Mario Draghi e Mario Balotelli sono nella classifica dei 100 personaggi pubblici più influenti nel 2013, redatta dalla rivista americana, “Time”.
Come di consueto, “Time” ha affidato a personalità “affini” i ritratti: se Christine Lagarde, che dirige il Fondo monetario internazionale, ha scritto il profilo sul presidente della Bce, e l'ex calciatore Gianfranco Zola ha commentato le qualità di Balotelli, a ritrarre il nuovo Pontefice della Chiesa cattolica è stato il cardinale arcivescovo di New York, Timothy Dolan.  Nel sintetico “ritratto” su papa Francesco, il cardinale Dolan ha ricordato il primo saluto alla piazza San Pietro gremita di fedeli.
Ha ricordato le attese di quei centomila che, dal pomeriggio, erano assiepati sul sagrato della Basilica vaticana, con lo sguardo rivolto al comignolo della Cappella Sistina e dopo la fumata bianca delle 19.05, non aspettavano che di sentire le prime parole del Pontefice.  E poi, quel «Fratelli e sorelle, buonasera» che è già entrato nella storia, per la sua semplicità e per il tono diretto e spontaneo, con cui è stato pronunciato è una delle sottolineature dell'arcivescovo di New York. Dolan ha ricordato, da un lato, le parole di un giornalista che ha definito quell'espressione amichevole come il saluto di un «vecchio fratello di ritorno a casa dal lavoro», e dall'altro ha osservato l'importanza sottesa al gesto successivo: il chinarsi di fronte al popolo cristiano, per chiedere lui stesso una benedizione.
«Sei giorni dopo nella sua prima omelia - scrive ancora il porporato su «Time» - ci ha invitato a non aver paura di amare, a non aver paura della tenerezza».
Il ritratto è dunque, quello di un pastore , dai modi semplici e diretti, che guida la Chiesa nel modo «come Gesù, come san Francesco»

Leggi tutto l'articolo