Pareggio contro la Serbia, Inzaghi porta l'Italia vicina alla qualificazione

BELGRADO - Non è stata una passeggiata a Belgrado, per la squadra di Trapattoni, che non ha ripetuto la brillante prestazione di San Siro.
Finisce 1-1 dopo il vantaggio segnato da Inzaghi.
A centrocampo, gli azzurri hanno sofferto - specie nel finale - e concesso molte occasioni ai serbi.
Così, le uscite di Camoranesi e Inzaghi e l'ingresso di Gattuso e Fiore hanno cercato di tamponare una situazione difficile e di difendere il vantaggio.
Ma i nostri, nel finale, sono andati nel pallone e il pareggio di Ilic, in mischia, dopo un prodigioso intervento di Buffon, è da considerarsi meritato.
La qualificazione è comunque decisamente a portata di mano.
L'Italia è a 14 punti in testa al girone, segue il Galles che ha pareggiato con la Finlandia a 13.
Basterà battere in casa l'Azerbaigian l'11 ottobre.
Quel giorno il Galles riceverà proprio la Serbia.
Trapattoni all'inizo aveva letto bene la partita di stasera: la Serbia si era buttata pericolosamente all'attacco e l'Italia era stata in grado di sfruttare gli spazi.
Così, il gol azzurro arriva su lungo lancio di Cannavaro per Inzaghi, impeccabile nel controllare e nel battere il portiere di esterno sinistro, dopo essersi svincolato da Stefanovic.
La partita, che era sembrata difficile per un certo predominio a centrocampo della Serbia, che aveva creato diverse conclusioni pericolose, spesso sbagliate da Milosevic, cambia: dopo 21 minuti gli azzurri cambiano il loro atteggiamento prudente e cercano di chiudere la partita.
Vieri però mette alto di testa la palla del 2-0 su imbeccata di Panucci.
Giovani Trapattoni L'errore ridà coraggio ai serbi che con Kezman e Djordjevic danno filo da torcere a Buffon e ai compagni della difesa.
Molto bello il primo tempo di Del Piero, completamente evanescente Vieri.
L'attacco dei serbi nella ripresa mette Draguinovic nella condizione di colpire e i prodigiosi - e talvolta fortunosi- interventi dei nostri in fase di recupero convincono Trapattoni della necessità di infoltire il centrocampo con Gattuso e Fiore.
Nonostante i mutamenti l'Italia continua a ripiegare e Buffon fa i salti mortali per salvare la porta azzurra.
Quando i serbi sentono del pareggio della Finlandia in Galles, si scatenano.
Buffon capitolato in mischia quando sulla sua respinta Ilic segnato da due passi e indisturbato.
SERBIA-ITALIA 1-1 SERBIA (3-5-2): Jevric, Gavrancic, Krstajic, Stefanovic, Cirkovic, Mladenovic, Ilic, P.
Djordjevic , Dragutinovic (24' st Boskovic), Kezman (18' st Ljuboia), Milosevic.
In panchina: 12 Zilic, 14 N.
Djordjevic, 15 Markovic, 15 [...]

Leggi tutto l'articolo