Parte 3 Parte seconda

Oltraggio a Vunibaldo
Vunibaldo parlava poco ma era il loro maestro guida. Quelle persone che sai che nella tua vita ci sono e il solo pensiero d’esserci ti fa star bene. Non lo diceva mai ma, si capiva che, anche per lui, gli altri quattro  erano molto importanti.
Un giorno che scorreva come tanti in quell’ oscuro palazzo, un uomo arrabbiato scese d’ impeto le scale, urtando la piccola Gemma che con il suo pesante secchio d’acqua si apprestava a salirle.
, urlò. Il suo tono di voce oltre a lasciar trasparire tutta la sua arroganza fu così  forte che fece tremare persino le tazzine riposte sui ripiani.
Prese le posate che Vunibaldo stava riordinando e violentemente le lanciò a terra continuando ad urlare: . Lo sguardo di Vunibaldo lasciava trasparire l’ira che pian piano stava salendo di livello come una caraffa che lentamente si riempie e che da un momento all’altro sarebbe traboccata. Le do...

Leggi tutto l'articolo