Partito Socialista dei Siciliani

    Vi rendiamo noto che sabato 15 giugno a Capo d’Orlando (ME), alle ore 17,30 presso il  Palazzo della Cultura “Antonio Librizzi” (nelle vicinanze della Chiesa di Cristo Re), si terrà un’assemblea del Partito Socialista dei Siciliani, durante la quale i Circoli Socialisti dei Nebrodi costituiranno le prime sezioni del PSdS.
Parteciperà tutto il comitato promotore, formato da Ignazio Buttitta, Fabio Cannizzaro, Giuseppe Coniglione, Ignazio Coppola, Leonardo D’Angelo, Nino Gennaro, Franco Gioia, Antonio Matasso e Turi Lombardo. Il Partito Socialista dei Siciliani, con la sua scelta di unire le ragioni della giustizia sociale a quelle dell’autonomia regionale basata sullo Statuto, si propone come punto di riferimento nella Sinistra per tutti quei socialisti siciliani che rischiano di non avere più una propria casa politica dopo la decisione di Nencini di avviare a conclusione l’esperienza nazionale del Psi.
Circostanza che, peraltro, ha già provocato le dimissioni dal Psi dell’ex ministro ed ex dirigente della Cgil Antonio Guidi, di cui riteniamo utile farvi conoscere le motivazioni: Il giorno 13 Maggio 2013 ho recapitato una lettera al segretario nazionale del Psi per rassegnare in maniera irrevocabile e formale le mie dimissioni dal partito.
Non è stata una decisione né affrettata né indolore, ma per chi come me fa politica da oltre 40 anni, vedere dismettere a livello di dirigenza nazionale il valore di un simbolo, la mancanza della valorizzazione del territorio e contemporaneamente una dismissione del protagonismo necessario per fare politica per oscillare tra una sostanziale sottomissione al Pd prima e al Partito Radicale poi, mi hanno reso insopportabile rimanere in questo partito.
Non posso trascurare poi che “l’evento storico” di portare in Parlamento una delegazione socialista si è tramutato nell’ingresso di una parte e solo del gruppo dirigente nazionale.
Ciò a discapito della rappresentatività che doveva essere indispensabile in questa fase.
Non parlo comunque dei problemi personali che in questo partito ho incontrato perché le motivazioni principali che mi hanno spinto a questa scelta sono prevalentemente di indirizzo politico del partito.
Continuerò a portare avanti le mie lotte per il sociale con immutato impegno. ANTONIO GUIDI A parte le ormai evidenti intenzioni di dare vita ad un soggetto che non si dichiarerà più socialista, insieme a radicali, altri laici e liberali, come adombrato in diverse riunioni della segreteria nazionale, segnaliamo altresì che [...]

Leggi tutto l'articolo