Pasolini e il calcio

"Ogni volta che sentivamo il rumore di un pallone ci fermavamo e cominciavamo a giocare" "Ogni volta che sentivamo il rumore di un pallone ci fermavamo e cominciavamo a giocare" ‎[...] quando i ragazzini s’erano ormai stufati di giocare, un sabato, alcuni giovanotti più anziani si misero sotto la porta col pallone tra i piedi.
Il calcio di Pasolini Marzo ’75: la troupe di “Novecento”, capitano Bernardo Bertolucci, sfida e batte quella di “Salò o le centoventi giornate di Sodoma”.
Scuro in volto, Pier Paolo Pasolini abbandona il campo.
Perché l’intellettuale più discusso d’Italia al calcio ci tiene parecchio.
Pier Paolo Pasolini, Il calcio e la di-partita finale.
STEFANO CORRADINO (DIRETTORE DI ARTICOLO 21) "Il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo” scriveva Pier Paolo Pasolini, fustigatore del nostro mal di vivere, del malcostume, del potere e delle sue macchinazioni.
Pasolini, "quanto s'infuriava se non gli passavamo la palla" Pasolini, "quanto s'infuriava se non gli passavamo la palla" di Vincenzo Cerami, "Il Messaggero", 19 marzo 2012 Quello che segue è l'ennesimo articolo-fotocopia che Vincenzo Cerami (nientemeno che "ministro della cultura" nel governo-ombra del Pd di qualche anno fa) riscrive a uso e consumo del Quando Pasolini giocava a calcio Avete mai visto un gasometro? Dai binari che precedono la stazione di Napoli a Piazza Garibaldi, si può osservare da lontano quel grosso cilindro fatto da una specie di reticolato, che da lontano pare una giostra per adulti, col suo luogo di cerchio chiuso sotto quella enorme struttura di metallo.
Calcio e letteratura: lo sport di Pasolini

Leggi tutto l'articolo