Pasquale FOSCA

Un artista sconosciuto: Pasquale Fosca La città di Sora può vantare di aver dato i Natali ad uno scultore di fama mondiale: PASQUALE FOSCA " Anche noi ne sappiamo ben poco, chiediamo quindi aiuto ai visitatori che ci facciano pervenire se in loro possesso le ulteriori notizie relative al personaggio Pasquale Fosca del quale tracciamo abbastanza sbiadita la storia della sua vita." Nacque a Sora il 20 Agosto del 1852, morì suicida a S.
Paolo del Brasile il 20 Dicembre 1929.
Nato nella zona vecchia della città (foto a lato) subì da piccolo il trasferimento della famiglia a Napoli dove lavorando umilmente riuscì a frequentare ed a pagarsi studi serali di disegno presso L’istituto delle Belle Arti Partenopeo.
La sua arte gli diede subito la fama meritata, però con il suo carattere attirò attorno a se inimicizie e invidie e quindi critiche immeritate.Nel 1878 ottenne il primo premio all’Esposizione di Palazzo Siracusa a Napoli e questo lo consacrò definitivamente quale artista di livello mondiale.
Visse a Parigi, a Londra, a Madrid, lasciandosi dietro una scia di opere d’arte che segnavano l’apprezzamento che riceveva dai reali del tempo che gli commissionavano in continuazione busti e statue celebrative. Raggiunse quindi il Sud America, dove si stabilì inizialmente a Buenos Aires poi a San Paolo del Brasile, dove pose fine alla sua vita per motivi a noi ignoti.
Tra le innumerevoli opere ricordiamo: A Sora i busti in bronzo del Cardinale Baronio, di A.
Carnevale, di V.
Simoncelli; a Roma i busti di G.
Garibaldi, di Vittorio Emanuele III, e su commissione di Leone XIII una statua di S.
Francesco d’Assisi; a Parigi il busto di A.
Dutuit; a Madrid il busto di Re Alfonso, A Buenos Aires il busto del presidente J.
Celman; a S.
Paolo del Brasile il busto del Presidente R.
Alves e la statua della “Mater Redemptoris” nella chiesa di Santa Cecilia.Moltre altre opere sono conservate in collezioni pubbliche e private in Italia e nel mondo tra queste ci piace ricordare quella de “Il vecchietto di Sora” opera in bronzo di 38.5 cm conservata nello Skagens Museum di Copenaghen.

Leggi tutto l'articolo