Passion di Mel

PASSION Si diceva: Il diavolo non e’ brutto come lo si dipinge perche’ era risaputo che i pittori medievali avevano accentuato un po’ le fattezze di un cosi’ sfuggente protagonista mettendo i loro pennelli a disposizione delle prediche nelle cattedrali.
Si sa, allora non c’era il cinema e nemmeno la televisione, lacuna colmata con prontezza da Mel Gibson che con un lavoro da macellaio ha rievocato il Medio Evo.
“Non ho fatto altro che filmare quello che e’ scritto nel Vangelo” ha dichiarato.
Si vede che lui ha l’Edizione Masoch, perche’ nei tre Sinottici ( il Vangelo di Giovanni non conta nelle ricostruzioni, fatevelo spiegare dal vostro parroco) c’e’ un lieve accenno alla fustigazione e non e’ nemmeno scritto che Gesu’ portasse la Croce ( Mc 15- 20,21 Lc 23-26) e gli amici e le donne stavano lontano, non erano sul Golgota.
“Che il sangue ricada sulle nostre teste” e’ un testo dubbio e poi la frase viene attribuita a Caifa e non al popolo ebraico.
Ultima cosa, Gesu’ Cristo che parla aramaico da dove l’ha preso? Perche’ i Vangeli sono scritti in greco ed e’ universalmente accertato che non sono traduzioni o traslitterazioni.
Oggi, l’aramaico e’ parlato da poche tribu’ nel deserto.
Cos’ha fatto Gibson, ha preso i Vangeli in Greco antico e li ha portati tra le dune a farli tradurre dai beduini? E qual’e’ il senso dell’operazione? Via, Mel, lascia stare i Santi e fatti il tuo business in santa pace senza venire ad insultare le nostre intelligenze ( e la nostra cultura millenaria ) Grazzzzie.

Leggi tutto l'articolo