Pato Subito!

"Il ragazzino è davvero molto forte.
E’ giovane, ma si vede che ha qualità per diventare un fenomeno".
Chi parla è Carlo Ancelotti.
L’argomento del discorso è Alexandre Rodrigues da Silva, detto Pato, l’attaccante brasiliano che il tecnico rossonero è andato a vedere personalmente in Canada nella prima gara del Mondiale Under 20.
Giudizio estremamente positivo, tanto che i dirigenti milanisti si sono messi subito al lavoro per portare Pato in fretta in Italia.
Non sarà semplice, va superato qualche ostacolo, ma la volontà di Adriano Galliani e di Ariedo Braida è precisa: visto che il Barcellona non cede né Eto’o né Ronaldinho, si punta sulla stellina sudamericana.
Trasferimento complicato innanzitutto perché il Milan deve superare la concorrenza di Inter e Chelsea.
Ieri il sito brasiliano Uol Esporte parlava di un accordo tra l'Internacional di Porto Alegre e il Chelsea: il club brasiliano riceverà l'intera clausola di rescissione che ammonta a 20 milioni di dollari, circa 14,7 milioni di euro, mentre Pato riceverà 7,3 milioni di euro per firmare un quinquennale.
Non è stata trovata, tuttavia, alcuna conferma a questa voce arrivata dal Brasile.
I dirigenti milanisti continuano a lavorare per il trasferimento, convinti di essere in vantaggio nella corsa all’attaccante.
Tra l’altro Pato, in un’intervista rilasciata alla Gazzetta tre giorni fa, ha dichiarato: "Giocare con Ronaldo e Kakà, per me, sarebbe il massimo.
Sono due miti, io li scelgo alla playstation".
Il parere del giocatore, in una situazione del genere, è fondamentale.
Ma l’ostacolo più complicato da superare è quello del regolamento Fifa che non permette il trasferimento internazionale ai minori di 18 anni.
E oggi Pato, di anni, ne ha 17: diventerà maggiorenne il 2 settembre 2007, ma per quel giorno devono già essere consegnate le liste per partecipare alla Champions League.
Ecco perché i dirigenti milanisti devono fare in fretta se vogliono, come vogliono, acquistare il ragazzino.
Il capitolo 5 del regolamento Fifa, intitolato "Protezione dei minori", all’articolo 19 parla di tre possibili eccezioni.
Una di queste dice che il trasferimento internazionale di un minore si può effettuare a patto che "i genitori del giocatore si spostino nella nazione della nuova squadra per ragioni non legate al calcio".
Ciò significa che, se il Milan deciderà di prendere Pato entro il 31 agosto, dovrà farsi carico anche della famiglia e garantire un lavoro al padre Geraldo Rodrigues.
Non è un problema insormontabile, anche perché per la [...]

Leggi tutto l'articolo