Peppino Impastato, una poesia

E venne da noi un adolescente dagli occhi trasparenti e dalle labra carnose, alla nostra giovinezza consunta nel paese e nei bordelli.
Non disse una sola parola nè fece gesto alcuno: questo suo silenzio e questa sua immobilità hanno aperto una ferita mortale nella nostra consunta giovinezza.
Nessuno ci vendicherà: la nostra pena non ha testimoni.

Leggi tutto l'articolo