Per le feste un ristorante su quattro costerà meno

Natale 2008: 1 ristorante su 4 costa meno Da una ricerca condotta dall’Associazione Difesa Consumatori Adico, quest’anno il Natale 2008 si annuncia difficile, con le persone più consapevoli nei loro acquisti e attente al prezzo.
Non a caso, ci sarà un forte calo della presenza di avventori nei ristoranti, in media del 20%, anche perché mangiando fuori casa, u na famiglia di 4 persone spenderebbe circa 220 euro, pagando in media 50/60 euro a persona, una cifra al di là delle possibilità di molte famiglie soprattutto considerando che con circa la metà si può organizzare una cenone o pranzo senza farsi mancare nulla, e va bene anche per una tavolata di 8 persone.
E’ quindi naturale che a Natale e a Capodanno molte persone quest’anno ha optato di trascorrerlo tra le mura domestiche.
Per quanto riguarda i locali dove si effettueranno gli acquisti alimentari per organizzare i cenoni saranno il 40% centri commerciali; il 25% discount, unico a dare la possibilità alle famiglie di soddisfare le proprie esigenze alimentari senza rimetterci lo stipendio.
Quest’anno la scelta del locale non sarà difficile; su oltre 30 esercenti monitorati dall’Adico, nessuno ha esaurito le prenotazioni.
Sul fronte dei prezzi per la stragrande maggioranza delle imprese monitorate il 75% sostiene di non aver variato di prezzi rispetto a quelli dello scorso anno; il 25 % dichiara di averli diminuiti; nessuno ammette di aver rincarato il prezzo rispetto lo scorso Natale.
Per quanto riguarda le prenotazioni, prevale un menù tutto compreso per 9 famiglie su 10, eccezione per i bambini sotto i 6 anni alle quali molte famiglie preferiscono l’ ordinazione su carta.
  Bene non poteva andare meglio.
Buone Feste  

Leggi tutto l'articolo