Perchè abbaiano i cani?

Immaginiamo che ci sia un palco e un pubblico e la persona che è sul palco chiede all'audience:Perchè i cani abbaiano? Dal pubblico si alza un coro all'unisono: Per disturbare! E poi ci siamo noi che tra una tastiera e uno schermo, cullati dal ronfio sommesso del (molto) peloso della nostra vita, proviamo a raccontare la realtà di queste incredibili creature che millenni fa hanno deciso di associarsi agli umani arrivando a conquistare il titolo di migliore amico dell'uomo.
Sul se gli umani sono i migliori amici dei cani si può invece discutere, magari ce ne occuperemo più avanti.
Ma torniamo a noi, ai cani e l'abbaio.
Perchè abbaiano i cani? Abbaiare è una forma di comunicazione.
Il fatto è che i cani abbaiano per comunicare, non per dare fastidio.
E pensare che ci sono proprietati che per impedire ai cani di abbaiare ricorrono a misure (su cui evitiamo per orrore di spendere anche una sola riga) che definire aberranti è poco.
Cosa comunicano abbaiando? Comunicano emozioni, sentimenti e stati d'animo, ecco alcuni tra i principali:: #.
Per inquietudine e stress #.
Per eccitazione #.
Per allertare #.
Per invitare al gioco #.
Per chiedere #.
Per ricevere attenzioni #.
Per proteggere e difendere #.
Per noia #.
Per minacciare #.
In risposta a fattori ambientali (sirene, campane, allarmi, etc.) #.
Per salutare #.
Per solitudine e ansia da separazione Diverse le comunicazioni diversi gli abbai.
Gli abbai infatti non sono tutti uguali, si dfferenziano per la durata, la frequenza/ripetizione e il tono.
Il tipo di abbaio e la circostanza in cui è emesso aiutano a capire il tipo di comunicazione che il cane esprime.
Va da sè che essendo l'abbaio una comunicazione, un cane che abbaia deve essere ascoltato.
Ultimissima cosa, come i cani sono tutti diversi per carattere, personalità e gusti, così lo sono per l'abbaio.
Ci sono cani che abbaiano molto, altri che non abbiano praticamente mai e altri che potremmo definire abbaitori medi.
La differenza dipende un po' dalla genetica - ci sono alcune razze più vocali di altre, ad esempio i cocker e i bassotti - e un po' dai singoli individui.

Leggi tutto l'articolo