Perchè in Italia non si fa una legge per il testamento biologico?

Non ci sono modelli all'estero a cui ispirarsi per un'etica corretta nell'affrontare il tema dell'eutanasia? Perchè in Italia c'è un buco legislativo così grande?
"Cara Giuliana, giusto, ognuno ha il suo pensiero, chi è favorevole all'eutanasia e chi no, e hai tutto il diritto di avere la tua opinione.
Ma sinceramente, se intendi che sei contraria perchè la vita è vita anche quando uno è bloccato incosciente in un letto o su una sedia a rotelle, okay.
E anch'io, anche se favorevole all'eutanasia concordo sul fatto che deve essere una persona cosciente a dire o lasciare qualcosa scritto così che, in caso di coma irreversibile o altro, si sappiano quali erano le volontà della persona e si agisca di conseguenza.
Però su un punto non sono sinceramente d'accordo; il fatto di aspettare il miracolo.
è vero, la scienza ha fatto passi da giganti, ma quando si parla di coma irreversibile, distrofie muscolari, ect non si parla dell'appendicite o della febbre che fino a qualche decennio fa non si poteva curare, oggi invece sì.
Infatti, probabilmente alcune di queste patologie si è scoperto con il tempo che erano meno gravi di quanto si pensava a l'epoca.
Ma lo stato vegetativo, varie malattie rare, e tumori vari non sono così semplici da curare.
Raramente ci sono stati casi tumorali gravi che si sono risolti e poi, nella vita, non si può sperare solo nel miracolo, siamo realisti.
Io l'ho imparato a tredici anni, quando una delle persone più importanti nella mia vita ha lasciato questa vita, ed è da allora che mi sono ritrovata davanti altri casi, per i quali la cosa migliore era rassegnarsi e cercare di far vivere al meglio ciò che restava da vivere a questa persona.
Ho avuto un caso di leucemia nella famiglia di mio cognato e questa persona è guarita, certo, ma perchè per quanto questa persona fosse debilitata i medici avevano dato una certa percentuale di speranza.
Se veramente credi alla scienza sappi; oggi i medici non si fanno scrupolo a dirti se devi morire o no, non cercano di riempirti di false illusioni.
Io ho sempre pensato che le fiabe, con il loro lieto fine, sono bellissime.
Ma finite di leggerle, bisogna ricordarsi di tornare alla realtà.
Il mio non è pessimismo, è solo realismo."

Leggi tutto l'articolo