Perchè l'ISIS non attaccherà mai l'Italia

Se l’ISIS volesse attaccare l’Italia, andrebbe così.
ore 01:00 - il gruppone ISIS tenta di partire dalla Libia con l’aiuto di scafisti scafati, ma i soldi non bastano, quindi organizzano una colletta e quelli che restano senza soldi vengono fatti esplodere sul posto come buon auspicio per la missione ore 2:30 – drammatica virata per orientare lo scafo verso la Mecca per la preghiera dei fedeli: il mare mosso rende difficili le operazioni e i componenti del commando si ritrovano e pregare in sequenza: • la mecca • due templi buddisti in cina • san pietro • la statua della libertà • 1 Mc Donald a madrid I pochi che se ne rendono conto, si fanno esplodere sul posto, come buon auspicio per la missione Ore 6:45 – sbarco a Lampedusa dove il commando viene ricevuto da uno stuolo di volontari che, con amore, li accoglie con coperte, cibo e acqua: segue trasferimento nel centro di accoglienza locale in cui, come benvenuto, vengono picchiati e sodomizzati dai residenti….i più deboli, non sopportando il disonore, si fanno esplodere sul posto, come buon auspicio per la missione Ore 12:30 – approfittando della pausa pranzo delle guardie, il commando evade e parte alla volta di Napoli: giunti sul posto, si infilano nei quartieri spagnoli dove vengono costretti a barattare le armi con lettori CD, autoradio e iPAD, rigorosamente non funzionanti.
I più temerari, pur di non cedere il proprio armamento, si fanno esplodere sul posto, come buon auspicio per la missione.
Ore 17:00 – il commando è alle porte di Roma dove viene bloccato da: • traffico sul raccordo anulare • manifestazione animalisti per la salvaguardia del cercopiteco afro-cubano chiazzato a strisce • sciopero generale dei sindacati uniti (esclusa CGiL che si dissocia e fa corteo a parte scioperando contro lo sciopero) • orda di turisti giapponesi che chiedono foto ricordo coi terroristi • centurioni incazzati perché credono che quelli dell’ISIS gli vogliano rubare il mestiere • 15 Vu Cumprà che li seguono con centinaia di occhiali da sole, collanine e borse al seguito.
A questo punto, Berlusconi decide di scendere in campo, si avvicina e dice loro: “anche io sono stato un terrorista dell’ISIS, amici” I pochi che comprendono l’italiano, a queste parole, si fanno esplodere sul posto, come buon auspicio per la missione.
Ore 20:30 – Il commando arriva a Firenze e punta verso Nord, ma in piazza Santa Maria Novella è costretto a sorbirsi Benigni che spiega la divina commedia, l’inno d’italia e i 10 comandamenti; al 194° [...]

Leggi tutto l'articolo