Perché gli stranieri si fanno migliaia di chilometri per compiere ruberie e altri reati nel nostro Paese?

E il giudice ammette: "Per gli stranieri siamo il Paese dell'impunità" Gli stranieri? Vengono in Italia a delinquere perché certi dell'impunità.
«Sanno bene che qui da noi male che vada patteggi e torni libero».
Lo dice un giudice.
Meglio: lo scrive, nero su bianco, in un'ordinanza di custodia cautelare.
Razzismo? Improbabile.
Francesco Florit, parte della sua carriera l'ha costruita all'estero.
Perché alcuni stranieri si fanno migliaia di chilometri per compiere ruberie e altri reati n el nostro Paese?Si domanda Florit.
InaccettabileLa risposta è che sono convinti che qui da noi se mai ti beccano fai un patteggiamento e sei in libertà.
Sanno che la giustizia non è efficiente e il sistema è tale che, dopo poco si è rimessi in libertà e si può ricominciare come prima.
Ammesso che sia vero e lo è in alcuni casi.Di chi è la responsabilità giudice Florit?Di quel straniero che non trova lavoroE delinque per mangiare? O, di chi permette l'impunità? E, l'impunità non è valida anche p...

Leggi tutto l'articolo