Perché le città votano il Pd e la provincia la Lega

Europee, perché le città votano il Pd e la provincia la Lega



Nella provincia di Bergamo, vecchio feudo leghista, l’exploit di Salvini alle Europee ha sfiorato il plebiscito: il 51,1% dei consensi, sopra di 30 punti percentuali rispetto al 19,8% del Partito democratico. Un dato quasi moderato rispetto ai picchi di oltre il 65% raggiunti nei microcomuni che popolano il territorio, passato con disinvoltura dalla Lega nordista delle origini a quella nazionale dell’era Salvini. Spostandosi in città, «alta o bassa» che sia, lo scenario cambia. Il Pd si mantiene primo partito, con il 32,64%, tallonato (ma non superato) dalla Lega al 32,4%.


Il ribaltone si fa più chiaro nel voto alle amministrative, dove il primo cittadino dem Giorgio Gori ha surclassato con il 55,45 % dei consensi il concorrente del centrodestra Giacomo Stucchi (38,95 %). Le Europee del 2019 hanno evidenziato un fattore già emerso con le nazionali di un poco più di un anno fa, quando i rapporti di forza fra la Leg...

Leggi tutto l'articolo