Perotti ha firmato per la Roma, esordio il 17 gennaio col Verona: ora El Shaarawy?

Ieri Diego Perotti era a Roma per cercare di perorare in prima persona il proprio ricorso avverso le tre giornate di squalifica, di cui una già scontata.
Tentativo non andato a buon fine, visto che la Corte Sportiva d’Appello Nazionale ha confermato la sanzione.
L'argentino potrà dunque tornare in campo nella 20sima giornata, ovvero nel weekend 16-17 gennaio, e lo farà con la maglia della Roma, impegnata in quel turno contro il Verona.
Secondo quanto svela 'Il Tempo', infatti, Perotti ha approfittato della 'gita' romana per incontrare in segreto Walter Sabatini (probabilmente nello Studio Tonucci) e firmare i primi documenti col club giallorosso, cui seguiranno - dopo l'annuncio ufficiale - le classiche visite mediche e tutte le iscrizioni federali.
L'esterno offensivo è dunque il primo acquisto della Roma nella sessione invernale, sostituto del partito Iturbe nello scacchiere di Garcia.
Essendo non di formazione italiana e visto che già c'è il rientro di Strootman, ai fini dell'inserimento nella lista dei 25 sarà necessario tagliare Lobont (recuperabile alla bisogna grazie ai regolamenti) se non si riesce a cedere Torosidis, che pare stia puntando i piedi.
L'operazione porterà nella casse del Genoa 12 milioni complessivi, tra prestito e riscatto, ma potrebbe non essere l'unica in attacco condotta da Sabatini.
La pista che porta a Stephan El Shaarawy (nessun problema di lista per lui) infatti è sempre viva, dopo che l'incontro tra i due ha palesato il reciproco gradimento.
Si tratta di capire adesso se la Roma ha la convinzione e soprattutto la forza economica - all'interno dei legacci del Fair Play Finanziario - di impegnarsi in un altro affare dal peso economico pari per il cartellino ma superiore per l'ingaggio.
Per il 'Faraone' il Milan non vuol sentir parlare di prestiti con diritto di riscatto, ma pretende l'obbligo, legato magari ad un numero minimo di presenze.
Su questa base, e solo su questa, si potrebbe scendere di un paio di milioni sul prezzo complessivo, dai 14 pattuiti (e bidonati) col Monaco a 11-12.
A quel punto forse El Shaarawy assumerebbe sempre più la faccia di un affare da cogliere per la 'Lupa', soprattutto in ottica prossima stagione, quando Gervinho con ogni probabilità partirà.
A dare ulteriore pepe a questo intrigo di mercato, ci sono poi le numerose altre pretendenti per l'italo-egiziano, su tutte la Fiorentina, disposta ad arrivare a 10 milioni, ma non solo.
Secondo la 'Gazzetta dello Sport', infatti, anche la Lazio starebbe pensando ad El Shaarawy in previsione di una possibile [...]

Leggi tutto l'articolo