Pesanti perdite per le ditte cinesi attive in Libia

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Le rivolte in Libia hanno travolto le molte attività di ditte cinesi, impegnate a realizzare opere per miliardi di euro per lo sfruttamento dei giacimenti di petrolio e la realizzazione di infrastrutture.
Il ministro cinese per il Commercio ha detto sul proprio sito web che al 24 febbraio erano stati 'attaccati e devastati' 27 cantieri e stabilimenti cinesi: unità dell'esercito e gruppi di ribelli hanno attaccato edifici, distrutto veicoli e macchinari, rubato denaro e quant'altro potevano.
Con la Libia, 3° maggior produttore di petrolio e 4° maggior produttore di gas naturale africano, la Cina è dal 2009 il 1° partner commerciale, con scambi complessivi di 6,6 miliardi di dollari nel 2010.
Nel Paese erano presenti circa 36mila lavoratori cinesi, impegnati in decine di progetti per un valore complessivo di molti miliardi di dollari: la China National Petroleum cerca giacimenti e realizza oleodotti, la China Communication Construction e la China Railway Construction Corporation progettano e costruiscono linee ferroviarie, la China Civil Engineering Construction cura un progetto di irrigazione nel Sahara orientale, la China Gezhouba Group edifica abitazioni in 5 città meridionali, la Huawei Technologies realizza infrastrutture per la telefonia mobile, e l'elenco può proseguire.
Fonte: www.asianews.it

Leggi tutto l'articolo