Pescate, De Capitani ricorre ai vigilantes

Cronaca 27 marzo 2015 Pescate, De Capitani ricorre ai vigilantes Pescate (Pescàa) - Concluso il periodo delle ronde formate da sindaco e Polizia locale, a Pescate sono riprese le scorribande dei soliti ignoti.
Ed ora Dante De Capitani pensa ad organizzare un impiego "intelligente" della vigilanza privata.
FURTI.
«In queste settimane in cui sono sospesi i controlli serali da parte della nostra polizia locale - informa il sindaco di Pescate -, si sono intensificati i furti nelle abitazioni.
La Polizia locale con un agente fisso e due altri agenti a 12 ore la settimana che coprono servizio sette giorni su sette - spiega -, non può essere presente anche a sera inoltrata, e vincoli sulla spesa del personale impediscono di assumere altri agenti».
IMMOBILI COMUNALI.
E qui entrerebbero in gioco i vigilantes, con un loro utilizzo "ad hoc".
«Siccome il controllo del territorio spetta alle forze dell'ordine - spiega De Capitani - non possiamo avvalerci all'uopo della vigilanza privata, ma stiamo pensando di utilizzarla per controllare gli immobili comunali che sono dislocati un po' in tutto il territorio e così di riflesso si porta un controllo in più anche nelle vie del paese».
INTERO PAESE.
«La via S.
Alessandro - illustra il sindaco - è interessata alla collocazione del nostro cimitero, nella via S.
Francesco abbiamo la Sala civica, in via Promessi Sposi c'è il Centro prima infanzia, in via Giovanni XXIII la scuola media e palestra, in via Barzaghi il municipio e scuole elementari, in via Alzaia la piattaforma ecologica.
In sostanza - conclude Dante De Capitani -, vigilando su queste strutture si porta un controllo in più quasi sull'intero paese e nelle rimanenti vie vedremo di porre in essere interventi che stiamo organizzando».
http://www.corrieredilecco.it/dettaglio.php?id=NDc1Nw==&idc=Mg==&idc2=MQ==&titolo=18606Pescate%2C+De+Capitani+ricorre+ai+vigilantes

Leggi tutto l'articolo