Petrolio, ecco i tre fattori che stanno spingendo giù i prezzi

La quotazione del petrolio sta scivolando con forte intensità, e il mercato è ancora affollato di venditori. Al punto che la caduta del prezzo del barile ricorda quella avvenuta lo scorso autunno.
La caduta del petrolio
Il Brent è precipitato sotto quota 60 dollari, quando appena un mesetto fa (fine aprile) aveva superato quota 75 dollari. Nel giro di poche settimane è andato in fumo circa il 20% del prezzo. Una caduta analoga ha avuto anche il WTI (West Texas Intermediate). Il petrolio americano di riferimento è sceso fino a quota 52 dollari. Anche l'analisi tecnica non è confortante, se si osserva il MACD (qui si spiega cos'è la media mobile convergenza divergenza).
Le ragioni della crisi
I fattori di preoccupazione per il mercato sono essenzialmente tre. Il primo è l'incertezza sulla durata dell’espansione economica mondiale, e in special modo quella americana che è giunta ormai vicina al record di longevità dei dieci anni (sarà raggiunto a luglio). Il secondo è il contraccolpo nega...

Leggi tutto l'articolo