Petrolio, il barile WTI diventa più costoso: oltre 75 dollari al barile

(Teleborsa) - Si infiamma il prezzo del barile di petrolio, complici i segnali di erosione della produzione dal Canada, che si aggiungono ai recenti problemi in Libia.
Per contro, l'Arabia Saudita ha confermato l'intenzione di aumentare la sua produzione, ma ciò non è bastato ad impedire i rincari delle quotazioni di oro nero.
Il West Texas Intermediate (WTI) statunitense viaggia attualmente a 72,91 dollari la barile dopo aver raggiunto i 75,27 dollari, per la prima volta dal 2014.
Il barile di Brent, il greggio di riferimento del Mare del nord, scambia a 76,63 dollari dopo essersi spinto sino a 78,17 usd/bar.  Nei giorni scorsi, il presidente americano Donald Trump aveva affermato, con un messaggio via Twitter, di aver parlato con il re saudita e che questi si era detto disponibile ad aumentare la produzione per stabilizzare i prezzi.

Leggi tutto l'articolo