Piccione bastardo!

Lo ammetto candidamente, io non amo proprio tutti tutti gli animali che l’evoluzione delle specie ci ha cortesemente messo davanti.
Le vespe ti inseguono e pungono, i serpenti d’acqua mordono, un cinghiale ti può sfondare la macchina pure se l’hai ritirta dal concessionario due settimane prima(e il mio amico S.vuol fondare un’associazione per la loro estinzione) Ma se vogliamo possiamo aggiungere anche i miei nemici mortali, tipo le anaconde venezuelane, capaci di spezzarti ogni osso e ingoiarti intero salvo digerirti con calma dopo, o i puma di montagna, lo squalo bianco, terrore dei miei bagni notturni o delle mie nuotate a largo (ma in mezzo al mare mi verrebbe un infarto anche a vedermi guizzare davanti un tonno).
Tutti questi animali hanno in comune, almeno per me, una certa pericolosità mortale, e questo basta a giustificare il mio odio nei loro confronti.
Ci sono però altri animali che pericolosi non sono, o certo paura non me ne fanno manco per niente.
Eppure vorrei sterminarli seduta stante, con uno schiocco di dita.
O un ardere di piume.
L’altro giorno vado a prendere la macchina(lavata la mattina).
L’immagine che mi balena davanti ha dell’apocalittico un La mia macchina era ricoperta da ettogrammi di guano di piccione.
Il tutto nel giro di 4-5 ore di sosta Ora, è un rischio da calcolare che la vostra macchina, parcheggiata sotto una grondaia o sotto un palo o sotto qualsiasi cosa tendano a posarsi quei lerci volatili, possa essere scambiata da loro per un cesso chimico.
Ma se sopra la vostra macchina non c’è nulla a distanza di 5 metri, come cacchio ci sono finite 5 e dico 5 cacche di piccione di cui una al centro del parabrezza, sulla mia macchina? In altre parole, dannazione, come possono tanti piccioni cacare su una macchina se non possono poggiarsi su nulla che sia almeno lievemente sovra-posizionato per fare centro? Prima ipotesi: le correnti ascensionali.
Il tetto del condominio  dista 5 metri dal muso della mia macchina.
Potrebbero le correnti ventose a venti metri d’altezza provocare questo spostamento laterale di sterco? L’unico modo che avrei di scoprirlo sarebbe quello di salire sul tetto, calarmi le mutande, mettermi alla turca e culo al vento e provare.( Ma non sarebbe carino.
Quindi dire che è una ipotesi da escludere a priori, non essendo il mio tetto in cima al monte e non essendo quel vialetto praticamente mai sfiorato da brezza alcuna.
Seconda ipotesi: Uccelli di ritorno dalle vacanze.
Mettiamo che uno stormo di piccioni sia in volo dalle coste africane dove ha per trascorso [...]

Leggi tutto l'articolo