Piccola Giada

Quando l'ho saputo sono corsa fuori da scuola.
Era un anno che non ci vedevamo.
Ma mi ricordo dei bei momenti passati insieme, e del tuo sorriso, tiepido e limpido, tanto da non poter non rimanere impresso negli occhi e nell'anima.E anche oggi quando ci hai visti lì, tu sorridevi.
Eri tu più forte di noi, eri tu che ti commuovevi perché eravamo venuti tutti a starti vicino nel momento della tua vita in cui la tua anima si sta lacerando di più di tutti, perché la tua mamma è morta.Ti giuro che mentre il prete parlava saei voluta andare io lì, e tirargli quel suo libro in faccia.
Mentre predicava sembrava che fosse tutto così ovvio, così immediato: una persona muore, va in paradiso per una vita migliore e dio perdona i suoi peccati.
Che peccati mortali ha commesso una madre che ha lasciato due figlie e il merito neanche a 50 anni per un cancro? E il dolore rimasto a una figlia di 18 anni deve tramutarsi in gioia perché la madre ora sta ballando il valzer con i santi, secondo lui? Quando l'affetto di una delle persone a te più vicine se ne va, puoi anche pensare che questa sia andata in un mondo migliore, ma accanto a te si apre un baratro vuoto e freddo che forse nemmeno si chiuderà mai.
Ed è anche più grande quando sai che tua madre è dentro a quella bara tanto costosa e tanto imbellettata, e da lì non potrà più uscire per abbracciarti.E il discorso dell'amica, invece, ha fatto commuovere tutta la chiesa, perché quello aveva un cuore, il cuore dell'esperienza, il cuore dell'affetto, della vicinanza e del vero dolore.
Era un ringraziamento all'esistenza per quella persona, che sorrideva sempre, come te Giada.
Era un ringraziamento a una donna fenomenale, sempre vicina a tutti, piena di vita.
Come te Giada.
Ma quando il corpo non resiste più, la tua voglia di vita può essere infinita, ma non potrà niente contro quei meccanismi che si rompono uno per uno.Piccola Giada, non ciudere mai gli occhi alla felicità.
Tu sei una persona stupenda, piangi quanto più ti è possibile adesso, per ritornare più forte di prima e continuare a guardare gli altri sorridendo.
Io ti sono vicina Giada...
Non staccarti mai dal mondo.
Perché se tutto il mondo non ti vuole bene, almeno in questo mondo ci sono persone che vogliono vedere quei tuoi occhi brillare di gioia.
Ti voglio bene.

Leggi tutto l'articolo