Pioneer PLX-1000

Oggi parliamo di giradischi, precisamente del Giradischi, infatti anche se l’articolo si ripropone di dare spunti sul nuovo giradischi di casa Pioneer, il PL-X1000, inevitabilmente siamo costretti a tornare a parlare del Giradischi con la G maiuscola, ovvero del Technics 1200.
Da queste poche righe si può intuire il taglio – per certi versi critico – dell’articolo.
Non nascondiamo l’amore e la passione che nutriamo per questo strumento storico a cui siamo molto legati, mitico oggetto presente da decine di anni nei migliori club del mondo e nelle case di migliaia di amatori audiofili e non.
Per questo non ve la prendete se a volte malinconicamente metteremo a dura prova il prodotto recensito, che dopo l’annuncio “Panasonic cessa la produzione dei giradischi analogici e destina gli operai che li costruivano ad altre mansioni” si ripropone di sostituire quello che ora viene esposto nelle teche dei musei, ma allo stesso tempo conserva un posticino nei templi della musica affiancando effetteria e supporti digitali di nuova “gen”. Quella del vinile sembrerebbe una storia caratterizzata da cicli, che gode di alti e bassi nel mondo degli appassionati, ma che rimane per i professionisti un elemento da affiancare a nuovi media e formati.
Dai lontani anni ’70, data della messa in commercio del primo Technics 1200, molte aziende hanno provato a riprodurre o avvicinarsi al modello di casa Panasonic senza mai riuscire nell’intento.
Il loro fallimento è stato nel non riuscire a cogliere a pieno le caratteristiche portanti di questo turntable, ovvero solidità e affidabilità senza precedenti in materia di precisione e qualità dei materiali. Queste poche righe di presentazione, poche al cospetto del grande successo di questo piatto, sono servite per calibrare la valutazione e il grado d’innovazione tecnicadel nuovo giradischi di casa Pioneer, il PLX 1000.
Iniziamo dicendo che il giradischi è un prodotto professionale per dj e per amatori, non è un prodotto entry level, anche se è la prima volta che la casa Pioneer si cimenta con un giradischi del genere, che per ora non sembrerebbe avere rivali sul mercato in quanto top di gamma. A prima vista, esteticamente il piatto è molto simile ai Technics SL 1200 classici, ne ricalca colori dimensioni e design.
La differenza sostanziale a parte la satinatura della vernice che ricopre la superfice esterna, riguarda la presenza di alcuni pulsanti con sfondo led blu con cui impostiamo il pitch range ± 8 ±16 ±50 posizionati sopra la leva del pitch, anch’essa come [...]

Leggi tutto l'articolo